Domenica 29/03/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:34
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Vicenda segretario comunale, intervengono Lucarelli (Pd) e Santirosi (Sel): "il professionista prenderà la stessa cifra di prima"
Sulla vicenda del segretario comunale di Narni si sta scatenando un putiferio. A sentire i rappresentanti delle forze politiche (maggioranza, opposizione e lo stesso sindaco), hanno tutti ragione. Da parte nostra continuiamo, come sempre abbiamo fatto, a pubblicare le opinioni di ognuno dei protagonisti. In questo caso pubblichiamo qui appresso, in modo integrale, il comunicato diffuso dai capigruppo del Partito Democratico e di Sel.
Il Comunicato
Premesso che il Comune di Narni - è scritto nella lunga nota inviata in redazione dal consigliere comunale Lorenzo Lucarelli -, è stato costretto a rivedere la convenzione perché ha "subito" la scelta del Comune di Amelia che ha deciso di rescindere dalla convenzione in atto, creando di fatto un problema al Comune di Narni che per razionalizzare le proprie spese aveva deciso in passato, giunta Bigaroni, di dividere il proprio segretario con il Comune di Amelia (1/3 del compenso pagato dal comune di Narni e 2/3 dal comune di Amelia). Ma veniamo alla serie di menzogne riportate nel comunicato:
1) L'atto è stato votato “senza nessun passaggio in commissione”. La commissione è andata deserta, perché erano ASSENTI….. (ma guarda un pò) i consiglieri che oggi strepitano. Alle 18,30 di lunedì scorso erano presenti il Presidente di commissione Daniele Santirosi, il Vice Sindaco Mercuri, la dott.ssa Alessia Almadori (per gli aspetti finanziari), il Segretario generale - che in quella sede, consultiva, avrebbe spiegato tecnicamente la situazione: non c’era nessun consigliere di opposizione (di questo, ovviamente esiste un verbale  del segretario di commissione). Causa l’assenza della minoranza si è deciso quindi di rinviare la discussione in consiglio per dare la possibilità alla minoranza di partecipare.
2) “che ora lavorerà solo per la nostra amministrazione”: FALSO l’oggetto della delibera è il convenzionamento tra il Comune di Narni e Massa Martana.
3) “Non è stata presentata nessuna motivazione che giustificasse la necessità di un provvedimento del genere” Il Segretario comunale è figura OBBLIGATORIA PER LEGGE nel comune (T.U. Enti locali). Il convenzionamento consente comunque un risparmio di circa 13-15 mila euro. Il Segretario, rispetto alla precedente convenzione lavorerà i 2/3 a Narni (prima, 1/3) e 1/3 a Massa Martana. Si è dovuto ricalibrare la segreteria comunale, a causa del recesso di Amelia che ha solamente “comunicato” a Narni la decisione, senza alcun minimo confronto per ottimizzare al meglio. Questo denota approssimazione e scarsa conoscenza della materia e contrariamente a quanto sostenuto dal cons. Bruschini la riforma Madia non è ancora entrata in vigore!
4) “Ha raddoppiato il contratto al segretario” FALSO: il contratto è sempre lo stesso, ovviamente, avendo un apposito contratto collettivo nazionale di lavoro. Prenderà la stessa cifra, ovviamente.
5) Come soluzione alternativa - secondo noi -, si poteva individuare uno dei dirigenti ed affidargli la gestione di taluni compiti che svolge il segretario, ma la nostra proposta non è piaciuta alla maggioranza. Il nostro comune avrebbe potuto risparmiare 60mila euro che potevano essere impiegati per cose più urgenti ed importanti”. Questa soluzione vive solo nella testa dei sigg.ri consiglieri, poiché, oggi, è basata sul nulla giuridico.
6) Inopportunamente e deliberatamente si parla di "parcella". La retribuzione del segretario è stabilita dal contratto collettivo nazionale di lavoro.
7) Il sindaco era assente giustificato in quanto si trovava a Bari per l'assemblea nazionale Anci. Il partito Democratico e Sel compatti continueranno a difendere la buona amministrazione, la serietà, la professionalità dei suoi dipendenti, che viene quotidianamente messa in discussione da alcune forze politiche, che per pura demagogia e mere ambizioni elettorali attaccano l'operato di chi quotidianamente svolge con onestà e trasparenza il proprio lavoro minando di fatto il rapporto di fiducia e trasparenza tra cittadini, macchina comunale e amministratori. Nel comunicato c’è un chiaro intento che è quello di ledere l'attività della nostra amministrazione. Dispiace constatare che anche in questa occasione la demagogia ha finito per sfociare in disonestà intellettuale. Non ci piegheremo mai a questo modo becero di fare politica.
Gruppo Consigliare PD - Gruppo Consigliare SEL
15/10/2016 ore 12:46
Torna su