Venerdì 03/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 15:39
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Vicenda De Arcangelis, Lorenzo Lucarelli (PD) difende l'assessore: "è una risorsa non un problema"
Lorenzo Lucarelli, capogruppo del Partito Democratico, “difende” l’assessore De Arcangelis. Tutto è scaturito dai molteplici ruoli rivestiti da De Arcangelis all’interno della vertenza Sgl Carbon. L’assessore, infatti, oltre a rappresentare la giunta è stato fino a qualche tempo fa sindacalista della Filcea, ma soprattutto risulterebbe essere ancora oggi un dipendente della fabbrica di Narni Scalo. Un coacervo di incarichi che qualcuno non vede di buon occhio, tanto che Sergio Bruschini (FI) aveva chiesto in consiglio comunale di fare chiarezza rispetto alla posizione di De Arcangelis, sottolineando il fatto che è quanto meno anomalo che un dipendente di un’azienda, in una vertenza delicata come è quella Sgl, rappresenti nel contempo se stesso ed il Comune. “Meglio se De Rebotti seguisse da solo la vicenda”, aveva incalzato Bruschini. Lucarelli, però, in tutta la questione non ci vede niente di male ed anzi elogia il lavoro svolto sin qui proprio da De Arcangelis. “Credo – dice il capogruppo del Pd narnese -, che il nostro Sindaco non si sia mai distratto un attimo riguardo alla vicenda Sgl Carbon e che insieme all'assessore competente, abbia svolto un ruolo fondamentale , coerente e trasparente, con il massimo impegno, al fine di dare una soluzione positiva alla vertenza. Appare quanto meno sospetto – insiste Lucarelli - che il consigliere Bruschini si erga ad inquisitore del conflitto di interesse che secondo una stravagante teoria incomberebbe secondo lui sull'assessore De Arcangelis, il quale per le sue conoscenze e la sua esperienza rappresenta invece una risorsa e non un problema. Il fatto che sia un dipendente dell'azienda da maggiori garanzie sulla sua volontà di trovare una soluzione che porti alla salvaguardia occupazionale e produttiva, obiettivo condiviso da tutto il Consiglio Comunale che ha approvato l'ordine del giorno presentato dallo stesso De Arcangelis a nome e per conto della giunta, nelle fasi iniziali della vertenza. Ci pare insomma francamente inappropriato, fuori luogo e tardivo l'attacco gratuito del Consigliere di minoranza .Non avrà per caso, proprio lui, qualche interesse incoffessabile? Tra l'altro ci troviamo in presenza di una trattativa tra privati: la Sgl Carbon da un lato e l'unica società, la Morex, che ha presentato un piano industriale dall'altro, tra l'altro una società ritenuta seria da tutte le istituzioni presenti al tavolo del Ministero. Ci piace anche ricordare – conclude Lucarelli - cosa recita l'ordine del giorno approvato all'unanimità con il voto del Consigliere Bruschini, il 10 febbraio 2014: ‘Il consiglio Comunale chiede a tutte le forze politiche di riferimento e alle loro rappresentanze parlamentari, un impegno unitario coerente e coeso allo scopo di sensibilizzare il Governo al fine di risolvere la vertenza , con particolare riferimento al tema della ricerca di soggetti da interessare all'acquisizione della fabbrica, nel caso la multinazionale confermasse formalmente la sua volontà di cessare l'attività dello stabilimento di Narni’. Questo punto è stato raggiunto brillantemente, ci duole dover constatare che il Consigliere Bruschini non abbia dato il benchè minimo contributo alla causa. Abbiamo bisogno, in questo momento, di unità di'intenti, anziché di strumentalizzazioni e semplice disfattismo”.
22/10/2014 ore 13:02
Torna su