Lunedì 26/08/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:06
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Verso le elezioni: è già lotta aperta tra i quattro candidati a sindaco
Siamo ad un mese e mezzo dalle elezioni ed i quattro candidati viaggiano già con il motore a pieni giri nelle rispettive campagne promozionali. Ognuno ha scelto una propria strategia ed un modo di comunicare. Francesco De Rebotti si affida al tipo di comunicazione a stelle e strisce, con i suoi sostenitori che già da parecchi giorni vanno in giro con un distintivo giallo attaccato su giacche e cappotti. La scritta "Fdr" campeggia sull'oggetto ed è la stessa che è stata ripresa sui manifesti che si vedono in giro. De Rebotti ha inaugurato nei giorni scorsi la propria sede, in via Garibaldi, praticamente attaccata a quella di Gianni Daniele, il candidato di "Tutti per Narni", la lista civica. Quest'ultimo ha riempito i muri della città e del comprensorio con dei grandi manifesti dove parla di "vero cambiamento" ed esorta quei narnesi che sono stanchi di essere governati dalla sinistra a dargli il voto. Giancarlo Marcotulli (lista civica "Marcotulli sindaco") ha anche lui inaugurato la sua sede elettorale, in vicolo del Moro, presso la ex farmacia il cui ingresso si affaccia su via Roma. L'ex Pd annuncia, tuttavia, che lui la campagna la farà in giro con il camper "in mezzo alla gente e a casa di tutti". Infine Sergio Bruschini (Pdl) che sta lavorando da tempo attorno al suo progetto di diventare sindaco di Narni. Il quartier generale di via Tuderte a Narni Scalo pullula di gente impegnata a gestire la campagna elettorale. "A Narni - ha detto Bruschini - non ho trovato posto per un'altra sede, ma metteremo dei gazebo e saremo ugualmente vicini alla gente". I dietro le quinte della campagna elettorale non mancano di offrire spunti più "succulenti" al cittadino/elettore. Cominciamo da Marcotulli, al quale non sono piaciuti certi articoli di giornale dove si dava per scontato un suo già pianificato apparentamento con il centrosinistra. "Non ho mai detto una cosa del genere - afferma stizzito -. E' ancora presto per fare certi discorsi. La mia posizione attualmente è quella di uno che sta esattamente al centro, quindi nè da una parte, nè dall'altra. A bocce ferme deciderò il da farsi". La campagna elettorale di Marcotulli è entrata da un pezzo nel vivo. Tra incontri e cene il candidato non arriva a dare i resti. "Punto molto in alto - afferma - e dunque voglio incontrare più gente possibile, per spiegargli in modo semplice ma efficace quale è il nostro programma e quali intenzioni abbiamo se verremo eletti". La lista civica "Tutti per Narni" da qualche settimana sembra vivere un periodo di calma apparente. Tutto tace, in un clima di insolito empasse. Nessun comunicato è più arrivato dalla segretria del candidato Gianni Daniele, il quale non ha voluto commentare nemmeno le voci che parlavano di possibili primarie (a scoppio ritardato) tra lui e Bruschini nel Pdl. Si dice in giro che tra Tutti per Narni ed il partito di Alfano sia ormai guerra aperta e che di quella che un tempo era sembrata a molti come un'alleanza "da fare" per mettere in difficoltà il centrosinistra, oggi non sia rimasto che un mucchietto di cenere. Dal Pdl, rispetto al discorso delle primarie che rimetterebbero in discussione di tutto e di più, nessuno fa commenti; "ognuno va per la sua strada - dicono -. La sera del 7 maggio tireremo le somme, leggeremo i risultati e prenderemo le decisioni migliori che dovranno guardare unicamente al bene della città e del suo territorio". Come dire: "se sarà necessario (ballottaggio ndr) potremmo anche unirci per dare battaglia a De Rebotti". Nel centrosinistra tutto sembra filare nel verso giusto. La coalizione è compatta e le inaugurazioni delle varie liste che sostengono il candidato si susseguono una dopo l'altra. "Otterremo un grande risultato - dicono i sostenitori dell'attuale assessore -. Chi pensa che le 'vette' toccate in passato (67% ndr) non siano più per noi raggiungibili si sbaglia di grosso. Gli elettori ci daranno la loro fiducia e Narni potrà continuare su quel progetto di rilancio così ben intrapreso dalle due giunte Bigaroni".
21/3/2012 ore 0:15
Torna su