Martedì 22/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 19:36
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Tifosi delusi dalle ultime prestazioni dei rossoverdi, se domenica non si batte il Treviso scatta l'allarme "rosso"
La sconfitta di Napoli ha lasciato il segno. Critiche pesanti sono piovute addosso alla squadra da ogni parte. I tifosi cominciano ad agitarsi e mostrano chiaramente la loro insoddisfazione alla luce delle ultime deludenti prestazioni. Se il progetto di Agarini, che è quello di portare la Ternana in serie A al termine della stagione in corso, deve avere un senso, non si può continuare sulla strada scelleratamente imboccata negli ultimi tempi dai giocatori rossoverdi. Dopo il deludente pareggio con l’Ascoli la squadra di Beretta ha offerto giovedi sera a Napoli una delle peggiori prestazioni del campionato, subendo una sconfitta che ha dell’incredibile. Incredibile per come sono stati realizzati i due gol degli azzurri, incredibile per il gioco lento, mediocre e prevedibile messo in campo da Brevi e compagni. Una squadra che punta alla serie A non può permettersi certe disattenzioni e non così di frequente. In queste ore il tecnico ha cercato, insieme ai suoi giocatori, di analizzare gli errori commessi, e soprattutto sta tentando di individuare la causa che ha portato la squadra troppo spesso ultimamente a subire goal nei primi minuti di gara. “Sono convinto che siano state solo delle coincidenze- ha affermato capitan Brevi- forse è mancata un po’ di concentrazione al pronti via”. Ferrarese invece ammette candidamente “Non sappiamo perché siamo andati sotto di un gol ad inizio partita negli ultimi match, certo è che non è facile poi dover recuperare. Dobbiamo riuscire a capire cosa ci accade nei primi minuti”. I rossoverdi accettano le critiche e sono fiduciosi: “Non abbiamo giocato una bella partita a Napoli - conferma Zampagna-ma anche sul 2-0 abbiamo cercato di reagire per recuperare il risultato. Non ci siamo riusciti ma la mentalità è quella giusta. E’ un momento difficile, lo sappiamo bene, come sapevamo che sarebbe capitato prima o poi. La cosa importante è reagire e rimanere uniti”. Insomma giocare domenica contro il Treviso è probabilmente il modo migliore per cercare di riscattare subito le ultime prestazioni. La speranza di tutti è che la Ternana torni ad essere quella ammirata ed applaudita fino ad un mese fa. “Con il Treviso dovremo forzare un po’ la situazione-ha detto ancora Brevi- sappiamo che non possiamo sbagliare perché basta una giornata storta di troppo per essere risucchiati a centro classifica”. Dunque l’imperativo per la gara di domenica è vincere. Altri errori non verrebbero ammessi dai tifosi e porterebbero dritti verso una situazione di allarme generale che nessuno ha voglia di vivere. (E.B)

22/11/2003 ore 2:51
Torna su