Lunedì 14/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:08
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Terzieri d'accordo sulla scuderia unica: "Compriamo il terreno e ci costruiamo le strutture necessarie"
Scuderia unica, tutto da rifare. Quella che era sembrata la soluzione ideale e che in un primo momento era stata accolta con entusiasmo sia dall’ente centrale che dai responsabili dei terzieri, ora non piace più a nessuno e l’idea di tutti è quella di trovare dei terreni, acquistarli ed impiantarci sopra le strutture per creare un unico, grande centro ippico dove effettuate tutto l’anno la preparazione per la corsa all’anello e le altre eventuali giostre equestri. I tempi della realizzazione di una scuderia unica, in ogni caso, vanno ad allungarsi e quindi è legittimo credere che ancora per un paio di anni le cose rimarranno così come stanno. Dunque il progetto presentato nei mesi scorsi dal pool di industriali che fa capo al “Borgo Umbro” e nel quale era stata prevista la realizzazione di una grande scuderia che si sarebbe dovuta realizzare nei terreni posti a confine tra i comuni di Narni e Terni, in prossimità di strada delle Campore, è andato a farsi benedire. “Un accordo del genere è inaccettabile – hanno detto esplicitamente i responsabili dei terzieri narnesi -, perché ammesso che la durata fosse stata di trent’anni, noi avremmo dovuto sostenere dei costi per allestire tutte le strutture e poi a scadenza del contratti ci saremmo ritrovati con un pugno di mosche in mano. Tanto vale – hanno aggiunto – che si faccia uno sforzo economico, si acquistino dei terreni che rimangono per sempre di proprietà dei terzieri, e su questi si costruiscano le infrastrutture necessarie alla nostra attività”. I terreni sarebbero già stati individuati dagli interessati, si tratta di quelli, di proprietà dell’Azienda Sanitaria Locale di Terni, situati nei pressi di quella che è l’attuale scuderia del terziere santa Maria, sempre in zona Le Campore. Gli appezzamenti di proprietà dell’Asl sono molto vasti in quella zona, ma ai terzieri sarebbero più che sufficienti 4 ettari di terreno per ricavarci piste di allenamento, un vero e proprio campo dei giochi e tutti i box necessari per il ricovero dei cavalli. Si tratta di capire quanto l’Asl chiede per quei terreni e quali siano le disponibilità economiche dell’ente corsa all’anello. “In ogni caso accenderemo un mutuo”, è stato detto dai responsabili delle scuderie. Insomma, la strada sembra essere stata ormai imboccata, si tratta di definire alcuni a spetti e di trovare l’accordo economico con l’Asl. Successivamente saranno sufficienti pochi mesi a mettere in piedi la struttura. Il resto verrà realizzato strada facendo.
3/2/2006 ore 15:49
Torna su