Mercoledì 23/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:43
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Sangemini: la società ha presentato il proprio piano industriale alle istituzioni ed ai sindacati
Il programma generale presentato dalla “Sangemini spa” in vista del rinnovo della convenzione è stato analizzato, nell'ufficio di presidenza della Provincia di Terni, da rappresentanti delle Istituzioni regionali e locali, delle Organizzazioni sindacali e dell’RSU, dell’Azienda. Presenti all’incontro, tra gli altri, il Vice Presidente della Giunta regionale, Danilo Monelli, il Presidente della Provincia di Terni. Andrea Cavicchioli, i Sindaci di San Gemini, Mauro Paci, di Acquasparta, Dino Pambianco, di Montecastrilli, Stefano Puliti, l’Amministratore delegato della società, Giancarlo Poli. Il Piano dell’Azienda prevede 5.770.000 euro di investimenti per le infrastrutture e gli impianti industriali, 4.760.000 euro per la tutela e lo sviluppo del bacino, dieci milioni di euro all’anno per la pubblicità. Gli obiettivi di vendita sono stati individuati per la “Sangemini” in cinquanta milioni di bottiglie per il 2004 e settanta milioni per il 2005, per “Fabia” 120 milioni di bottiglie per il 2004 e centoquaranta milioni per il 2005, per “Aura” sessanta milioni di bottiglie per questo ed il prossimo anno, per “Vita di Sangemini” venticinque milioni di bottiglie nel 2004 e trentacinque milioni nel 2005. Per quanto concerne gli assetti industriali, verrà modificata una linea per aumentare la flessibilità produttiva, nonché la “riempitrice”, verranno acquistati la “soffiatrice”, un “tappatore”, una “etichettatrice a bobina”, una “fardellatrice”, una “magliatrice”, un “pallettizzatore”, una “fasciatrice”. Sono, inoltre, previsti interventi sulla linea “vetro”, nonché manutenzioni consistenti e l’ampliamento dell’attuale magazzino. Per quanto riguarda l’Acqua Amerino, è stata confermata la volontà di continuare nella produzione, salvaguardandone le caratteristiche ed il mercato. Il rappresentante della “Sangemini” ha anche formalmente consegnato copia della rinuncia notificata al “Ministero della Salute” per l’utilizzazione di un marchio diverso per l’"Acqua Fabia" e la conferma del marchio “Antiche Sorgenti Umbre Fabia”. Si è preso, inoltre, atto delle di attività di promozione per i succhi di frutta, che dovranno consentire la loro collocazione nelle grandi catene di distribuzione e favorire, quindi, lo sviluppo di questa ulteriore attività, che può avere riscontri positivi sotto vari profili. E’ stato anche definito il percorso per l’elaborazione di un progetto complessivo che riguarda tutte le attività collaterali e del termalismo, che deve prevedere il coinvolgimento attivo degli Enti locali e per il quale è stato già dato incarico ad una società specializzata. A tale proposito saranno definiti gli obiettivi generali, le risorse e gli investimenti necessari con gli impegni specifici e le modalità gestionali, che consentano un effettivo riscontro sul territorio complessivo dei Comuni di San Gemini, Acquasparta e Montecastrilli. I rappresentanti degli Enti locali e delle Organizzazioni sindacali hanno definito il programma consegnato “una base soddisfacente per ciò che concerne la parte industriale” e, pertanto, sotto questo profilo, vi saranno esclusivamente ulteriori riunioni tra Azienda e Sindacato per definire e puntualizzare alcuni aspetti, mentre si continuerà a lavorare sul progetto delle attività collaterali con una tempistica definita.



14/2/2004 ore 14:55
Torna su