Venerdì 20/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 04:13
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Ponte S.Lorenzo "invasa" da cattivi odori. Bruschini da la colpa alla rete fognaria:"E' vecchia, non ce la fa più!" e chiede al sindaco di intervenire
L’arrivo del caldo ripropone i problemi di sempre. Tra questi quelli dei cattivi odori che possono arrivare dai rifiuti lasciati per troppo tempo a marcire e quindi a “fermentare” nei cassonetti, oppure dalle reti fognarie. Ed è proprio dal cattivo funzionamento del sistema fognario che a Ponte San Lorenzo, una delle frazioni più popolate del comprensorio narnese, dipende la situazione di disagio avvertita in questi giorni dai residenti. A denunciare il problema è Sergio Bruschini, consigliere comunale di Forza Italia, che con una interrogazione inviata al sindaco chiede di intervenire per eliminare il disagio. “Che si tratti di cattivi odori provenienti dalle fogne non vi è dubbio alcuno-attacca Bruschini-anche perché lo stesso tipo di problema si era presentato alcuni anni fa e venne risolto con la realizzazione del nuovo impianto fognario. Ora si tratta di capire, ma questo lo si potrà fare solo dopo un sopralluogo effettuato dai tecnici, se dopo anni di usura si sia deteriorato qualche pezzo della linea fognaria che “corre” sotto terra, e se questo eventuale guasto abbia contribuito a determinare delle perdite che provocherebbero irrimediabilmente il puzzo insopportabile che i cittadini in vari momenti della giornata avvertono in tutta la zona di Ponte San Lorenzo. Del resto l’impianto era stato concepito per una popolazione che in quindici anni si è aumentata a dismisura, logico quindi non sia più adeguato ai carichi di lavoro cui l’attuale numero di residenti lo sottopongono”. Bruschini fa notare che nella zona insistono anche due scuole: la materna e la elementare e che i bambini debbono da qualche tempo e loro malgrado subire gli stessi disagi per via dei cattivi odori che talvolta penetrano anche all’interno delle aule. “Il problema è delicato e va affrontato al più presto-conclude Bruschini-anche perché nei prossimi mesi la temperatura salirà ancora aumentando di conseguenza l’intensità dei cattivi odori ed il disagio di chi è costretto a respirarli.”

15/5/2003 ore 11:35
Torna su