Lunedì 12/04/2021
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 15:48
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Otricoli: si scalda la campagna elettorale, è guerra aperta tra i leader dei due schieramenti: Liberati e Brega
Sono passati ai ferri corti. I leader delle due liste civiche che si contendono la poltrona di sindaco ad Otricoli (Liberati e Brega) sono in piena polemica. Il fair play che aveva contraddistinto la scesa in campo di Nico Nunzi (appoggiato dall’ex sindaco Antonio Liberati) e di Maria Teresa Lanari (appoggiata dal consigliere regionale Eros Brega), è stato ben presto messo da parte ed ora tra i due schieramenti è guerra aperta, con scambi di accuse continui che rischiano di innescare querele. Brega dice che “Liberati ha sparato a zero sul Partito Democratico di Terni, sulla candidata a Sindaco Maria Teresa Lanari e in particolare sul sottoscritto, facendo affermazioni sul mio conto delle quali dovrà rispondere attraverso i suoi legali”. A far saltare la mosca al naso al consigliere regionale sarebbero state delle affermazioni, riguardanti alcune sue precedenti esperienze politiche fatte in passato a Terni e che Liberati avrebbe definito ‘fallimentari’, nel corso della presentazione della lista che sostiene il candidato sindaco Nico Nunzi. Quest’ultimo, nella stessa occasione, ha rincarato la dose affermando che “Brega pensa di accattivarsi la simpatia degli otricolani sostenendo che è stato lui a sbloccare i 400.000 euro che la Regione ha assegnato al nostro Comune per la bonifica delle aree a rischio frana, quando tutti sanno che quei soldi è da novembre dello scorso anno che sono stati ‘sbloccati’ grazie all’intervento dell’onorevole Prestigiacomo”. Maria Teresa Lanari vorrebbe rimaner fuori dal battibecco riportando la discussione su un piano dialettico più squisitamente politico, ma poi non resiste e lancia la sua stoccata al suo ex sindaco: “Mi sembra di capire – afferma - che Liberati è a corto di idee e quindi si attacca a delle banali e sterili polemiche nel tentativo di far valere le proprie ragioni. A noi interessano i fatti e stiamo cercando di dimostrarlo ai nostri concittadini”.

27/5/2009 ore 12:37
Torna su