Lunedì 22/12/2014
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 11:33
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Otricoli: il sindaco Nunzi chiamato a rispondere sul suo doppio ruolo di amministratore e imprenditore
Nella spinosa vicenda che ha mandato nella bufera il Comune di Otricoli, si allungano ora le ombre di un ipotizzato conflitto di interessi. E’ ancora il consigliere comunale Pier Paolo Palozzi (Democrazia per Otricoli) ad avanzare forti dubbi circa il doppio ruolo che in questa vicenda ha avuto e sta tuttora avendo Nico Nunzi. Il sindaco della cittadina è infatti nel contempo anche il titolare dell’impresa funebre che utilizza per le tumulazioni i loculi e le cappelle “incriminati”. Palozzi ricorda che “loculi e cappelle vengono venduti dal Comune direttamente ai privati”. Ma aggiunge anche che “l'impresa funebre di proprietà del sindaco sta utilizzando da tempo questi loculi per effettuarvi le tumulazioni”. “Nunzi – sottolinea Palozzi - non ha mai comunicato la data o il periodo in cui si è iniziato a vendere loculi e cappelle e a tumulare le salme, quindi nessuno è in grado di stabilire se le cose siano state fatte in regola, oppure no”. Il consigliere di opposizione ricorda ancora che “l'opera non risulta ancora terminata, in quanto non sono stati esauriti gli interventi previsti ed i lavori non sono dunque collaudabili; il Comune si è limitato ad approvare un certificato di regolare esecuzione dei lavori che lascia il tempo che trova”. Sui possibili “conflitti di interesse”, Palozzi ha una sua teoria: “Di sicuro – afferma il consigliere - si può dire che gli operatori funebri (e ad Otricoli l’impresa che fa capo al sindaco Nunzi sembra essere quella più gettonata dai cittadini) hanno interesse ad avere la disponibilità dei cimiteri, dei loculi e delle cappelle. Se il Comune avesse interrotto i lavori e aperto contenziosi con l'impresa, contestando subito l'utilizzo di moduli prefabbricati, probabilmente l'opera si sarebbe interrotta e si sarebbe potuta verificare una carenza di loculi e tombe con evidenti disagi per i cittadini, ma anche per gli operatori funebri. L'Agenzia funebre Nunzi – sottolinea - viene gestita dal sindaco il quale cura personalmente le pratiche relative all'organizzazione dei funerali”. Insomma, la vicenda sembrerebbe tutt’altro che chiusa. Tanto più che restano pendenti gli esposti fatti da Palozzi alla Procura della Repubblica e alla Corte dei Conti.
(Nella foto il sindaco di Otricoli, Nico Nunzi)
28/12/2012 ore 1:49
Torna su