Lunedì 06/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 04:34
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Ospedali: si parla di un prossimo accorpamento dei reparti di medicina e chirurgia di Narni e Amelia, ma la Asl smentisce
Le voci rimbalzano da qualche tempo. A Narni come ad Amelia. E quando è il “popolo” a parlare, di solito un fondo di verità c’è sempre. L’argomento è di quelli che scottano e riguarda i due ospedali. Stando a quanto si dice in giro la direzione della Asl 4 avrebbe in programma una riorganizzazione dei reparti di medicina e chirurgia. Attualmente sia l’ospedale di Narni che quello di Amelia dispongono di entrambi questi reparti ma, stando alle voci, si vorrebbe fare in modo di "tagliarli" a metà, spostando a Narni tutta la chirurgia e ad Amelia tutta la medicina. Una soluzione che viene vista malissimo in entrambe le città e che sta creando non poca apprensione tra la gente. “Se l’Asl facesse una cosa del genere – dichiara Maria Lanari, consigliera comunale del Pdl -, darebbe il colpo di grazia ad una situazione che è già da tempo estremamente precaria, in quanto costringerebbe di fatto i pazienti narnesi a dirottare sull’ospedale di Terni le proprie scelte e porrebbe in una condizione di estremo disagio i cittadini che risiedono nel comprensorio amerino. Per molti di questi, che vivono nei paesi confinanti con il Lazio, a quel punto diventerebbe molto più comodo andare a Viterbo, piuttosto che venire a Narni. Mi auguro davvero che si tratti solo di voci e che non si arrivi a compiere quella che sarebbe l’ennesima scelleratezza che toglierebbe ai nostri ospedali ulteriori professionalità e creerebbe disagi pesantissimi, soprattutto a determinate fasce di popolazione che non hanno la possibilità di spostarsi agevolmente dal proprio luogo di residenza”. Anche Federico Novelli, capogruppo dei Socialisti, mostra tutta la sua preoccupazione. “Alla Asl abbiamo sempre chiesto – spiega – di non creare ulteriori problemi all’interno degli attuali due presidi ospedalieri di Narni ed Amelia, in attesa che si realizzi il nuovo nosocomio. Già in passato si era tentato di trasferire il punto prelievi, poi si era sparsa la voce che sarebbe stato trasferito il punto nascite; ora si parla di ‘razionalizzare’ i reparti. Capiamo la necessità di ridurre i costi, ma che questo non avvenga andando a tagliare all’interno di due realtà ospedaliere dove questi reparti sono assolutamente indispensabili”. Dalla direzione della Asl 4 Alberto Tomassi, addetto alle pubbliche relazioni, tende a minimizzare la questione. “Sono voci strumentali – afferma – sicuramente fatte girare ad arte da qualche politico. Non mi risulta che ci sia la volontà di riorganizzare i reparti. Comunque ci penserà il direttore a chiarire meglio la vicenda”.


15/12/2010 ore 0:45
Torna su