Giovedì 23/01/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 20:16
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Ospedale Narni-Amelia, parla il presidente della Provincia Lattanzi: "è un'occasione da non perdere"
"Il nuovo ospedale di Narni-Amelia rappresenta un tassello fondamentale per la sanità ternana e regionale". Lo dice in una nota il presidente della Provincia di Terni, Giampiero Lattanzi. Il numero uno di Palazzo Bazzani ricorda come il progetto "da un lato completa e potenzia l’offerta dell’Umbria, dall’altro integra le prestazioni sanitarie garantite dall’azienda ospedaliera Santa Maria, sgravando in parte quella struttura delle prestazioni di primo livello e favorendo così la crescita dell’alta specializzazione. Altro elemento fondamentale – puntualizza ancora il presidente - è quello della risposta all’esigenza di sanità di prossimità che il nuovo ospedale sarà in grado di garantire, migliorando e ammodernando l’offerta dei due attuali presidi sanitari di Narni e Amelia". Il presidente sottolinea quindi la vocazione della nuova struttura ospedaliera studiata appositamente sia per la riabilitazione, in funzione dell’alta specialità del Santa Maria di Terni, che per la medio–bassa specialità. Saranno infatti 140 i posti letto riservati alla medio-bassa specialità di medicina e chirurgia generale, chirurgia ginecologica e ortopedia con trattamenti in ricovero ordinario-day-hospital-day surgery, con 60 posti letto per acuti. Ci saranno inoltre sale endoscopiche e un’area riservata ad un polo di riabilitazione di area vasta dotata di 60 posti letto in aggiunta ad una Rsa con 20 posti. "E’ un’occasione eccezionale – dichiara il presidente Lattanzi - per far crescere la sanità umbra e per agganciare anche la domanda extraregionale sulla quale la Regione ha già detto di voler investire con decisione. Gli iter per la sua realizzazione, tra l’altro, sono già iniziati e sarebbe davvero complicato adesso fermare la macchina, sia da un punto di vista prettamente burocratico-procedurale, sia da quello della ricaduta sociale di una decisione in tal senso".
14/1/2020 ore 9:43
Torna su