Martedì 26/09/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 21:56
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Nera Montoro: pericoli in agguato a 'Le Mole', Cecilia Cari (TpN) chiama in causa l'amministrazione comunale
Della situazione de’ “Le Mole” di Nera Montoro ci eravamo occupati in un nostro servizio alcune settimane fa. Nell’articolo, su segnalazione del consigliere di Forza Italia Sergio Bruschini, avevamo sottolineato come, pur essendoci dei cartelli che indicano il divieto di balneazione, questa zona venisse utilizzata da molti alla stregua di una “piscina”. L’articolo aveva suscitato molta attenzione. Molti cittadini avevano compreso il tono della segnalazione, rendendosi conto dei gravi pericoli nei quali incorrono coloro che fanno il bagno o usano 'tavole' e materassini a Le Mole, altri avevano manifestato pareri opposti, dando in sostanza ragione a coloro che non rispettano il divieto di balneazione. A distanza di poche settimane torniamo sull’argomento, sollecitati questa volta da Cecilia Cari (Tutti per Narni) che, ‘navigando’ in Internet si è imbattuta in un sito dove si parla de’ Le Mole . “Sono rimasta inorridita – afferma Cari -, guardando le foto postate e leggendo gli interventi di decine di persone che frequentano o hanno frequentato Le Mole. La maggior parte di queste persone riferisce di episodi drammatici che solo per fortuna non sono sfociati in tragedia. Gente che racconta di essere stata sorpresa dalla ‘piena’ delle acque a seguito dell’apertura improvvisa della paratoie, e di essersi salvata all’ultimo istante. Come si fa – continua Cecilia Cari – a non rendersi conto che quell’invaso è pericolosissimo? Dobbiamo davvero aspettare che accada l’irreparabile per prendere dei provvedimenti? Le sirene che dovrebbero avvertire che le paratoie stanno per aprirsi, suonano oppure no? E se funzionano, quanto tempo si ha a disposizione per uscire dall'acqua? Il pericolo è ben segnalato nei pressi del solarium? Il paradosso è che su alcune cartine, poste lungo il percorso ciclabile, l’area viene addirittura indicata balnenabile. E’ necessario - conclude Cecilia Cari -, che l’amministrazione comunale faccia chiarezza, soprattutto per coloro che vengono da fuori e non conoscono bene la località e la sua storia. Le Mole di Narni sono l’ennesimo esempio di quanto in Italia non si sappia come prevenire i pericoli e proteggere l’incolumità delle persone o rendere un luogo assolutamente sicuro. Basta osservare le foto pubblicate sui social dalle persone che frequentano questo posto, per rendersi conto che il divieto di balneazione non viene rispettato da nessuno. In comune si pensa che sia arrivato il momento di intervenire o si pensa di lasciare la situazione così com’è?”.
17/7/2017 ore 3:15
Torna su