Giovedì 04/03/2021
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 22:56
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
<
Narni: va deserto il bando per l'affidamento della gestione dei siti culturali e turistici del territorio
Bando deserto. Per un "flop" inatteso, che viene commentato con amarezza dal consigliere comunale Sergio Bruschini di Forza Italia. Lui reputa un "fallimento" il fatto che sia andato deserta la partecipazione al bando che prevede la gestione di vari siti culturali della città. Nello specifico si parla di promozione e valorizzazione della biblioteca comunale, del museo Eroli, la Rocca Albornoz ed il complesso del San Domenico. Oltre a questi siti il bando prevede anche la gestione del teatro Manini ed il servizio di accoglienza, promozione turistica di palazzo dei Priori. Bruschini ricorda che "all'apertura delle buste, tra lo stupore generale, si è verificato ciò che nessuno si sarebbe aspettato, ovvero che il bando è andato deserto. La città aspettava con trepidazione questo momento, quindi la delusione è stata tanta. Eppure - sottolinea Bruschini -, diverse erano state le manifestazioni di interesse, esplicitate anche da visite in loco, con sopralluoghi ai siti che andavano a gara. Probabilmente i 'parametri economici del piano finanziario' del bando non sono stati ritenuti congrui, al di la dell’interesse mostrato. Si tratta di un bando che prevede una gestione integrata per 6 anni, con un potenziale di movimentazione economica di circa 7 milioni di euro e che, al di la del contributo comunale per la gestione di 125.000 euro, presuppone entrate che probabilmente sono state ritenute sovrastimate rispetto ai costi di gestione. Per non entrare troppo nei numeri - osserva Bruschini - probabilmente il progetto ha volato troppo 'alto', come dire che è stato fatto il passo più lungo della gamba. Il progetto, insomma, dovrà essere calato maggiormente nella realtà locale, coinvolgendo anche gli operatori del nostro territorio, dal momento che ci sono delle professionalità che andrebbero coinvolte. E comunque il progetto, oltre all'aspetto turistico e convegnistico, dovrà prevedere a nostro avviso anche la valorizzazione di percorsi culturali propri della nostra città. Insomma chiediamo all'amministrazione di rispondere a questo inatteso 'flop', con un diverso approccio nei valori economici e dei contenuti del progetto stesso onde evitare un'altra gara deserta".
18/2/2021 ore 14:25
Torna su