Lunedì 21/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:14
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: torna la paura dei furti, alcuni cittadini organizzano "ronde" notturne, l'idea non piace alle forze dell'ordine
Torna la psicosi dei ladri. Puntuale, come in tutte le estati, il problema si ripresenta in modo particolare per le migliaia di cittadini che vivono nelle zone periferiche. Che sono poi quelle maggiormente appetite dai ladri. Nelle ultime settimane i malviventi si sono fatti vedere spesso nel territorio narnese. Tra i colpi più eclatanti quello messo a segno presso l’ufficio postale di Otricoli dove venne portato via il bancomat. Analogo colpo compiuto pochi giorni dopo a Montebuono, paese della Sabina ma distante una manciata di chilometri dalla provincia di Terni. Negli ultimi tempi anche a Calvi dell’Umbria si sono registrati numerosi tentativi di furto. Insomma è come sempre la zona a sud di Narni ad essere bersagliata dai ladri. E questo, come scritto tante altre volte, per una ragione ben precisa che è quella della presenza di vie di fuga: tante e tutte facilmente raggiungibili. Il timore di trovarsi i ladri in casa, avrebbe indotto alcuni cittadini ad organizzarsi in una sorta di “ronde”. Gruppi di persone che girano, guardano, controllano ed al primo movimento sospetto avvertono le forze dell’ordine. Un modo per difendere i propri interessi e per collaborare con i carabinieri. Ben sapendo che il termine “ronde” è bandito dal vocabolario del codice penale e che le forze dell’ordine vedono sempre con una certa preoccupazione questo tipo di iniziative. Insomma, collaborare si, ma con giudizio e soprattutto senza sentirsi autorizzati a fare gli “sceriffi”. L’invito di polizia e carabinieri, del resto, è sempre stato lo stesso: segnalare individui o auto sospette, sia di giorno che di notte.M poi ci pensiamo noi ad intervenire”.
28/6/2016 ore 14:12
Torna su