Lunedì 23/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 01:31
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: ufficializzato il programma de "Le vie del cinema", stamattina a Roma la presebtazione ufficiale della rassegna
Hanno scelto un locale alla moda di Campo de’ Fiori a Roma per presentare oggi la dodicesima edizione de “Le Vie del Cinema”, la rassegna narnese che propone i più bei film italiani restaurati. Stamattina alle 11,30 Alberto Crespi, direttore artistico della manifestazione nonché noto critico cinematografico e apprezzato conduttore del programma “La valigia dei sogni” in onda su “La7”, farà gli onori di casa per presentare il cartellone della rassegna e accennare ai nomi degli ospiti che si alterneranno sul palco ogni sera prima della proiezione del film. Alla cerimonia prenderanno parte Giuliano Montaldo, che assieme a Crespi dirige la rassegna e della stessa può essere considerato il padre putativo, visto che nel ’99 fu anche grazie al suo carisma che la manifestazione prese subito piede, e poi il sindaco di Narni Stefano Bigaroni, l’assessore alla Cultura Anna Laura Bobbi e il direttore generale de Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale Gabriele Testi. “Le vie del cinema” prenderà il via sabato prossimo al “Parco dei Pini” di Narni Scalo, dove tutte le sere fino all’8 luglio verranno proiettati gli otto film in cartellone. Per tornare al cartellone dei film in programma a “Le vie del cinema”, gli esperti giudicano molto interessante le pellicole scelte quest’anno dagli organizzatori. Si comincerà sabato 1 luglio con ola proiezione del film “Il buono, il brutto e il cattivo” di Sergio Leone e si andrà avanti nelle serate successive con “Mamma Roma” di Pier Paolo Pasolini, “La vita agra” di Carlo Lizzani, “I fratelli dinamite” di Nino Pagot, “La rosa di Bagdad” di Anton Gino Domenighini, “Le avventure di Giacomo Casanova” di Steno, “Una giornata particolare” di Ettore Scola e “L’armata Brancaleone” di Mario Monicelli. Ed è stato proprio il titolo di questo mitico film a dare l’idea agli organizzatori di utilizzare quale slogan per l’edizione di quest’anno del festival: “Branca l’autore”. La rassegna narnese, che è entrata ormai da tempo a far parte di un circuito importante a livello nazionale, è stata organizzata anche quest’anno per iniziativa del Comune di Narni e del Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, in collaborazione con Mediaset Cinema Forever e Philip Morris Progetto Cinema, si avvarrà anche quest’anno della direzione artistica di Alberto Crespi, noto giornalista esperto di cinema, una sorta di Gian Luigi Rondi dei tempi moderni. Quest’anno è stato deciso di rendere omaggio a sei grandi autori del cinema italiano alcuni da tempo riconosciuti come tali (Pier Paolo Pasolini, Carlo Lizzani, Sergio Leone), altri considerati “solo” maestri della commedia come Ettore Scola, il citato Monicelli e il grande, ingiustamente da molti dimenticato Stefano Vanzina, in arte Steno, e padre dei due “re” della commedia contemporanea Carlo ed Enrico.
27/6/2006 ore 5:40
Torna su