Giovedì 02/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 14:24
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: Punto Acli Famiglia e "Il Ponte", due realtà importanti per anziani, studenti ed immigrati
Sarà inaugurata mercoledì 15 febbraio, alle 16, la nuova sede zonale del Patronato Acli, in piazza Edoardo De Filippo a Narni Scalo. Nei locali che si trovano nella piazzale della stazione ferroviaria di Narni Scalo, hanno già sede il Punto Acli Famiglia, guidato da Maurizio Torchio, e il centro sociale per anziani “Il Ponte”, presieduto da Sergio Tellini. Il Punto Famiglia offre numerosi servizi: dalla consulenza previdenziale a quella fiscale, dalla tutela giuridica all’assistenza domiciliare, dall’orientamento sui mutui e i prestiti per la casa e per il consumo all’assistenza alle famiglie immigrate per i ricongiungimenti, dai servizi di cura per l’infanzia all’informazione e l’orientamento sul lavoro e promuove momenti di aggregazione e confronto. Importante per la comunità di Narni Scalo l’attività del centro per anziani “Il Ponte”, che conta 160 soci e propone attività ricreative e di supporto per bambini, adulti e anziani. “Due volte alla settimana - spiega Lidia Costolani, coordinatore del Punto Famiglia - quaranta donne di oltre 70 anni partecipano ai corsi di ginnastica dolce, alle attività ludico-ricreative, alle attività di canto, lavoro a maglia, pittura e cucina. Sono iniziative dedicate alle donne sole, alle quali questa casa delle nonne e dei nonni garantisce momenti di condivisione per allontanare lo spettro della solitudine di tante anziane del territorio”. Poi c’è l’attività del sostegno scolastico gratuito per bambini delle elementari e studenti di medie e superiori. “Quando abbiamo iniziato col sostegno scolastico - dice Lidia Costolani - abbiamo capito che era un servizio molto richiesto, con molti utenti. Ora sono ben 22 i ragazzi iscritti e non abbiamo più posto. Probabilmente aumenteremo anche i giorni di lezione perché due pomeriggi sono pochi. Questo servizio riusciamo a portarlo avanti grazie al grande cuore dei volontari, tutti insegnanti in pensione”.
(La foto è stata scattata al centro anziani "Il Ponte" la scorsa estate)
14/2/2012 ore 17:45
Torna su