Mercoledì 23/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:45
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: per tentare un furto in un supermercato ignoti tagliano alcuni cavi elettrici isolando i telefoni di mezza città
Un colpo andato a vuoto. Che ha però provocato grossi danni a centinaia di cittadini rimasti fino a ieri senza telefono e rete Internet. Il colpo è quello riferito al tentativo di furto fatto un paio di sere fa da ignoti che, passando per il tetto, si sono calati all’interno di un noto supermercato di Narni Scalo con l’intenzione di rubare. I malviventi, prima di penetrare all’interno del negozio, hanno tagliato un fascio di cavi elettrici, pensando così di aver disattivato l’impianto di allarme e di poter agire indisturbati. Ma in mezzo a tutti quei fili c’erano anche quelli della rete telefonica, e così decine di famiglie da quel momento sono rimaste isolate: niente telefono e niente collegamento Internet. I ladri, convinti di avere via libera, sono saliti sul tetto, hanno “sradicato” la copertura e divelto alcuni pannelli del controsoffitto, poi si sono calati all’interno del supermercato. Un’operazione durata pochissimi minuti, tanti quanti ne sono bastati perché nell’aria si alzasse il sibilo forte dell’impianto di allarme che ha fatto balzare sul letto centinaia di abitanti del centro di Narni Scalo. I malviventi non si sono lasciati prendere dal panico e avendo compreso che l’aver tranciato i cavi non era servito a nulla, temendo che le telecamere interne ed esterne dell’impianto di videosorveglianza avessero potuto riprenderli, si sono diretti verso lo stanzino dove si trova il pannello dei comandi elettrici, puntando dritti verso il videoregistratore, strappandolo dal vano che lo conteneva, dandosi poi alla fuga. Fortuna per loro l’allarme non era collegato alla stazione dei carabinieri, quindi hanno avuto tutto il tempo necessario per dileguarsi, prima che una pattuglia dei militari arrivasse sul posto. I rilievi effettuati non sono stati di grande aiuto per i carabinieri che hanno tuttavia avviato le indagini per cercare di risalire agli autori del tentato furto. Le conseguenze peggiori per questo colpo andato a vuoto le hanno dovute subire decine di famiglie, ma anche negozi, uffici ed aziende, che sono rimasti con i telefoni isolati. Ad andarci di mezzo è toccato anche ai poliambulatori della Asl 4 rimasti senza segnale telefonico e rete Internet, con gravi disagi che si sono riversati anche sui pazienti. A giudicare dalle modalità con le quali è stato fatto il colpo, gli inquirenti pensano che si tratti di una banda di professionisti e non di ladruncoli improvvisati. I malviventi, tuttavia, hanno sbagliato i loro calcoli tagliando dei cavi che non c’entravano nulla con l’impianto di allarme che è entrato in funzione mettendo in fuga i ladri.
18/11/2011 ore 2:48
Torna su