Lunedì 21/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:15
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: i cittadini chiedono il senso unico in via del Parco, dal Comune spiegano che non è possibile
I lavori sono praticamente finiti e Via del Parco a Narni Scalo è stata finalmente liberata dal cantiere. Ora l’importante strada che collega via dei Garofani con via Trieste ed attraversa l’intero quartiere scolastico della città, offre un colpo d’occhio decisamente diverso. Il Comune ha fatto ricostruire tutti i marciapiedi e provveduto a sistemare quei tratti di strada che tempo addietro erano stati rovinati dalle radici dei pini. Durante l’apertura del cantiere la strada, che era a doppio senso di marcia, era stata trasformata a senso unico, ora che i lavori sono terminati il traffico è di nuovo a doppio senso e questo ha provocato qualche protesta da parte dei cittadini. “Quella strada è molto pericolosa perché ci sono le scuole e le automobili viaggiano a velocità mostruose – sostengono -, abbiamo visto tutti che nel periodo dei lavori la situazione era migliorata perché con il traffico a senso unico passavano molte meno auto, perché il Comune non ha ripristinato il doppio senso? E perché non si decide a far installare una decina di dossi dissuasori lungo tutta la strada in modo che la gente sia costretta a rallentare?”. Le soluzioni proposte dai cittadini non possono essere adottate dall’amministrazione comunale ed è l’assessore Proietti Grilli a spiegare il perché. “Non è pensabile – spiega -canalizzare il traffico che da via Trieste va in direzione di via Capitonese, su via della Libertà, perché questa strada è troppo stretta e non sarebbe in grado di sopportare tutto quel traffico. Per necessità siamo stati costretti a farlo nel periodo dei lavori ed abbiamo visto i disagi che questa decisione ha provocato. Sui dissuasori abbiamo altre volte spiegato che sono vietati dal codice della strada, in quanto creerebbero delle difficoltà di transito ai mezzi di soccorso in caso di emergenza”.
10/11/2005 ore 5:43
Torna su