Venerdì 22/11/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:41
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: furto in pieno giorno davanti alle scuole elementari, rubata la borsa a una mamma che era andata a prendere il figlio
Definirlo furto con destrezza è limitativo. L’episodio accaduto sabato verso l’ora di pranzo davanti alle scuole elementari di Narni Scalo è qualcosa di più di un semplice atto criminoso. Le modalità con le quali il colpo è stato portato a termine denotano una temerarietà straordinaria da parte di colui o coloro che lo hanno compiuto, ma anche una buona dose di sangue freddo in considerazione del fatto che in quel momento nei paraggi c’erano oltre un centinaio di persone. I fatti. Erano le 13,15 di sabato quando una signora che abita a Narni Scalo è arrivata a bordo della sua Citroen Saxo in piazza Rossellini, davanti alle scuole medie e elementari per andare a prendere il suo bambino che sarebbe uscito di li a poco; a bordo con se aveva l’altra figlia, una bimba di due anni e mezzo. La signora prima di scendere ha coperto con una giacca la sua borsa che era sul sedile anteriore, ha preso in braccio la bambina e a passi rapidi si è diretta verso la scuola elementare. Nei pressi decine di mamme e nonni che aspettavano l’uscita di altri bambini. Quando la signora è tornata alla macchina ha trovato una brutta sorpresa ad attenderla: qualcuno aveva infatti sfondato il vetro posteriore laterale e si era impossessato della borsa dentro alla quale erano contenuti documenti, carte di credito, il telefonino, un paio di occhiali griffati e una trentina di euro. La donna ha chiesto lì intorno alle mamme e anche al vigile di turno davanti alle scuole, se avessero notato nulla di sospetto ma nessuno aveva visto niente. Un ladro specializzato? Un tossico alla disperata ricerca di soldi? I carabinieri, presso i quali la signora ha sporto denuncia, stanno indagando. Anche loro, tuttavia, sono rimasti sorpresi per la temerarietà mostrata dagli autori del furto, dalla incredibile velocità con la quale lo stesso è stato perpetrato e dall’insolito luogo ed orario scelti per agire.
19/9/2006 ore 11:21
Torna su