Domenica 17/11/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 18:38
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: file alla delegazione comunale, Daniele (TpN) chiede il potenziamento ed il trasferimento in altra sede dell'ufficio
Chiede "pari dignità" per l'ufficio della delegazione comunale di Narni Scalo. Ovvero, di fare in modo che in questo ufficio vengano erogati tutti quei servizi dei quali i cittadini possono usufruire recandosi al palazzo comunale e non solo una parte di essi. La proposta arriva da Gianni Daniele, capogruppo della lista civica Tutti per Narni. "Negli ultimi tempi - afferma - presso la delegazione di via della Libertà si sono registrati numerosi disservizi, quindi è arrivato il momento di rivedere tutta l'organizzazione e di provvedere al trasferimento di questa importante struttura in un luogo più idoneo ed accogliente". Daniele aggiunge che: "La delegazione di Narni Scalo, pur con le limitazioni dei servizi erogati, ha sempre lavorato tantissimo raccogliendo un'importante utenza. E' dunque necessario inserire tra le competenze di questo ufficio quanti più servizi possibili, per dare veramente una risposta alle effettive esigenze del territorio". "Negli ultimi mesi - continua Daniele - si è assistito ad un costante decadimento riguardo alla qualità del servizio offerto, con la chiusura prolungata dell'ufficio, spiegata dal Comune con la necessità di concedere delle ferie al personale dipendente, poi dai primi di settembre l'ufficio viene aperto solo due giorni alla settimana tra le proteste dei cittadini, stufi di fare lunghe file per un certificato. C'è davvero carenza di personale? - si chide Daniele -, se così fosse è bene ricordare che ci sono esigenze primarie e secondarie. Tra le prime va sicuramente messa l’apertura al pubblico per dare servizi, il personale comunale deve essere addestrato a svolgere più funzioni con interscambio tra i vari servizi; basta con la rigida struttura organica". Poi c'è il problema della sede. "Attualmente l'ufficio (che è in affitto), è ubicato in una sola stanza, dove per ovvie ragioni viene meno la privacy per i cittadini. Secondo noi - conclude l'esponente di TpN -, si dovrebbe valutare l'ipotesi di spostare il servizio presso la vecchia casa del custode delle scuole elementari, a poca distanza dalla sede attuale, in un punto comodo da raggiungere in quanto a piano terra e con un grande parcheggio".
26/9/2013 ore 1:50
Torna su