Martedì 21/05/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:50
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo, cittadini esasperati: "basta ingorghi in via Tuderte quando ci sono incidenti sul Rato"
Sono esasperati. Ma, soprattutto, stanchi di portare avanti una battaglia che dura ormai da una trentina di anni e che sembra destinata a non trovare una felice conclusione. Sono i cittadini che vivono a Narni Scalo, da decenni alle prese con i problemi riguardanti il traffico cittadino. Nelle giornate "normali" le vie della frazione sono sempre molto affollate di automezzi, ma la situazione diventa drammatica ogni qualvolta (e succede spesso) si blocca il raccordo Terni-Orte. "Non è possibile che in tantissimi anni - dicono sconsolati i cittadini di Narni Scalo -, nessuno abbia mai pensato a trovare una soluzione che tenga conto dei nostri disagi e della nostra salute. Quando il Rato si blocca tutto il traffico leggero e pesante che viaggia sul raccordo, confluisce in via Tuderte. Questo comporta la paralisi totale del traffico ed un preoccupante innalzamento dell'inquinamento, dovuto agli scarichi di centinaia di automezzi. Non ce la facciamo più a sopportare questa situazione. Qualcuno venga in nostro aiuto. Le soluzioni ci sono, basta applicarle". Ed ecco, allora, una di queste "soluzioni" che potrebbero ridurre al minimo i disagi dei residenti. "Quando il Rato si blocca a causa di incidenti che si verificano fra le uscite di Montoro e Sangemini - suggeriscono alcuni cittadini -, basterebbe creare delle uscite obbligate per tutti i mezzi che viaggiano lungo il Rato e lungo la E/45. Per spiegarci meglio, chi proviene da Orte e viaggia in direzione nord, già adesso viene fatto uscire a Montoro e costretto a percorrere la ex Ortana/Tiberina fino al bivio del Ponte di Augusto. Ma è qui che si crea il problema, perchè gran parte del traffico, anzichè procedere per Tre Ponti/Berardozzo ed imboccare poi la Flaminia in direzione di Sabbione, si dirige verso Narni Scalo, mettendo in crisi totale la viabilità locale e minacciando la nostra salute. Stesso discorso per chi proviene dalla E/45 e viaggia in direzione di Orte. Si dovrebbero obbligare tutti ad uscire allo svincolo Rato/45 ed indirizzarli in direzione di Sabbione /Flaminia. Qui il traffico leggero potrebbe essere dirottato lungo Strada di Marrano, mentre i mezzi pesanti potrebbero essere indirizzati verso la Flaminia, all'incrocio di Castelchiaro. Per non appesantire troppo la Flaminia, si potrebbe fare lo stesso discorso al bivio di Ponte Aia: automobili su Strada di Marrano e tir lungo la statale, fino a Castelchiaro. Ovvio - spiegano i cittadini -, che per fare in modo che questa soluzione funzioni, è necessario mettere nei punti giusti delle pattuglie e delle transenne. Con pochi uomini e pochi mezzi, si potrebbe dirottare in modo intelligente il traffico e si potrebbero anche evitare file ed ingorghi che, con l'attuale situazione, vengono a crearsi nel giro di pochi minuti". La proposta dei cittadini non sembra essere malvagia. Tra l'altro, sia la strada di Tre Ponti che la Flaminia, oltre a non essere densamente abitate come lo sono via Tuderte e le vie laterali, sono abbastanza larghe ed in grado di sostenere, in caso di emergenza, dei flussi di traffico importanti.
29/4/2019 ore 3:45
Torna su