Giovedì 14/11/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:22
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: c'era una volta la nuova piazza, doveva essere pronta nel 2008 ma il progetto non è mai decollato
Dieci anni fa il progetto della nuova piazza di Narni Scalo sembrava cosa fatta. Addirittura era anche stata ipotizzata la data inaugurale: il 2008. A stimolare previsioni così ottimistiche era stato il fatto che nel 2005 il consiglio comunale aveva approvato il Piano Attuativo che aveva permesso di fare un passo avanti importante verso la realizzazione di uno spazio che i cittadini di Narni Scalo reclamano da decenni. Ed era stato in quell'occasione che la Giunta aveva mostrato in modo dettagliato il progetto sottoponendolo al giudizio dei consiglieri. Il progetto prevedeva una spesa che all’epoca sfiorava i 9 milioni di euro. “Quasi tutti a carico dell’imprenditoria privata”, venne spiegato dai responsabili dell’Urbanistica di allora. Il Comune avrebbe dovuto tirar fuori di tasca propria “solo” un milione di euro, cifra importante per quei tempi, proibitiva oggi. La piazza sarebbe dovuta sorgere a metà di via Tuderte, nell’area adiacente l’ingresso delle scuole superiori. Il progetto prevedeva l’occupazione di vari spazi “dentro ai quali – era stato detto -, verranno anche costruiti degli edifici che verranno destinati prevalentemente ad uso commerciale per negozi ed uffici ma dove troveranno posto anche numerosi nuovi appartamenti per l’edilizia residenziale”. In realtà le piazze sarebbero dovute addirittura essere due: “quella principale, con una superficie di circa 2000 metri quadrati ed un’altra più piccola di circa 500 metri quadrati, che sorgerà nell’area che si trova a ridosso delle case ad un piano poste sul tratto terminale di via della Libertà”. Il progetto prevedeva la realizzazione di opere in superficie ed altre sotto al livello della sede stradale. In questo senso si sarebbe dovuto approfondire lo studio idrogeologico del sottosuolo per capire quanto e come intervenire, insomma se realizzare o meno quella “galleria” che sarebbe passata “sotto” a via della Libertà. “Accanto alla struttura che ospita attualmente il supermercato e numerosi uffici e che si trovano tra via del Parco e via della Libertà – venne detto in consiglio - verrà costruito un edificio che andrà ad integrarsi con quello esistente”. Un’altra novità inserita nel progetto riguardava la costruzione di una torre dallo stile avveniristico che sarebbe stata realizzata a ridosso di via Tuderte, sul lato destro della piazza. “Essa avrà sei piani di altezza e le sue facciate saranno multicolore con grandi vetrate e pareti rivestite di ceramiche. All’interno anche qui troveranno posto locali per uso commerciale e qualche appartamento”. Il Piano Attuativo venne visionato da tutte le componenti socio-economiche del territorio, prima di ritornare in consiglio per l’approvazione definitiva. Ma di quel progetto si sono perse le tracce e i cittadini di Narni Scalo aspettano invano quella piazza che rischia di non arrivare mai. Dopo l’intenso e significativo sviluppo urbanistico che c’è stato a Narni Scalo negli ultimi venti anni, con i tanti insediamenti che sono stati realizzati dal bivio per la Capitonese fino a quello con la Marattana, sarebbe stato quasi “normale” che la città fosse stata dotata di una piazza degna di questo nome. Ma visti i tempi di crisi è lecito aspettarsi che questa difficilmente potrà vedere la luce in tempi brevi.
9/6/2014 ore 3:10
Torna su