Martedì 22/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 19:39
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: è allarme topi alla scuola media "Valli" dove cinque interventi della Asl non sono bastati ad allontanare i ratti
I topi "sbarcano" nelle scuole di Narni Scalo e mettono in allarme decine di genitori che sono preoccupati per la salute dei loro figli. Da tre mesi a questa parte, in pratica dal giorno in cui sono riprese le lezioni, alla scuola media "Luigi Valli" di via del Parco sono stati numerosi gli avvistamenti di ratti che se ne vanno a zonzo nelle aule e lungo i corridoi. Un diversivo curioso per i numerosi studenti che frequentano la scuola, i quali hanno accolto quasi con divertimento la novità dei topi in classe, ma non è così per i genitori che sono invece seriamente preoccupati per l'insistenza del fenomeno. "Tanto per non sbagliare – afferma la mamma di un bambino della elementare 'Sandro Pertini' che essendo attaccata alla 'Valli' usufruisce della stessa sala mensa -, ho smesso da un po' di far pranzare mio figlio presso la mensa dell'istituto e come me hanno fatto altre mamme. La presenza dei topi all'interno della scuola media è un fatto allarmante; chi ci garantisce che i cibi che vengono serviti ai nostri figli non siano stati contaminati dal passaggio dei roditori? Scuola e Comune tentano di tranquillizzarci con la scusa delle derattizzazioni eseguite, ma se i topi continuano ad esserci vuol dire che gli interventi di bonifica non sono stati eseguiti a dovere". Il dirigente scolastico Wilma Toni affida la sua replica agli atti ufficiali: "dal 22 settembre ad oggi sono state eseguite ben cinque derattizzazioni – spiega -. Il responsabile della Asl 4, il dottor Pelle, ha persino cambiato il tipo di esca per tentare di catturare fino all'ultimo esemplare di topo in circolazione ma gli avvistamenti sono continuati. Da parte nostra abbiamo eseguito il protocollo previsto affidandoci ai medici della Asl i quali, tra le altre cose, ci hanno assicurato che le esche disseminate all'interno della scuola non sono affatto pericolose per la salute dei bambini". Sembra che per fare una bonifica radicale sia necessario tenere chiusa la scuola almeno una decina di giorni: "sfrutteremo le imminenti vacanze natalizie per intervenire – spiega l'assessore alla Scuola Francesco De Rebotti -, poi a gennaio faremo delle verifiche". Ma ai genitori non piace l'idea di sapere i loro figli esposti alla presenza dei topi e chiedono di anticipare l'intervento di disinfestazione. E proprio per prendere delle decisioni in questo senso stamattina presso la scuola è stato organizzato un summit con l'assessore, il dirigente scolastico, un responsabile della Asl, uno della ditta che effettua il servizio mensa ed una rappresentanza dei genitori.


3/12/2008 ore 5:11
Torna su