Mercoledì 18/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 07:56
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: oggi a Rieti l'autopsia sul corpo di Michele, domani i funerali; gli amici di Fraporta stanno organizzando una veglia funebre
Oggi l’autopsia. Domani i funerali. L’esame autoptico sul corpo di Michele Vincenzoni, il ragazzo morto folgorato sabato mattina, mentre si faceva la doccia in casa della nonna a Morro Reatino, verrà eseguito questa mattina presso l’ospedale “San Camillo De Lellis” di Rieti. Un esame di routine, in quanto ci sarà poco da scoprire riguardo alle cause che hanno provocato la tragica morte del ragazzo, fulminato da una scarica di corrente “trasportata” quasi certamente dal getto d’acqua proveniente dal boiler elettrico. Il cuore di Michele ha cessato di battere per un arresto cardiaco determinato evidentemente dalla scarica di corrente cui è stato sottoposto il proprio corpo. Qualsiasi altra ipotesi appare del tutto improbabile, se non impossibile. Piuttosto le indagini dovranno permettere di appurare quale sia stata la causa che ha innescato la scarica fatale a Michele. La nonna materna, Luana Alì e la mamma del ragazzo, Vanessa Fantozzi che abitano insieme in un appartamento di Terni, affermano che “il bagno dove si trovava la doccia doveva rimanere chiuso a lucchetto”. “C’erano dei problemi allo scaldabagno e tutti lo sapevano – afferma la nonna del ragazzo -. Sarebbe bastato un minimo di attenzione in più a salvare la vita al nostro Michele. Ora certamente non è il momento di pensare a questi aspetti, ma è certo che andremo fino in fondo per risalire a eventuali responsabilità riguardanti la morte di mio nipote”. La mamma Vanessa è provata dal dolore. “Ero in Sardegna dove stavo lavorando come animatrice in un villaggio turistico. Mi hanno telefonato per darmi questa terribile notizia e mi sono subito precipitata a Terni. Con Michele ci sentivamo spesso al telefono e proprio in questi giorni mi avrebbe dovuto raggiungere in Sardegna insieme a mia madre. Era felice di poter fare una vacanza con noi. Condividevo con entusiasmo la sua passione per la musica, tanto che gli avevo promesso di accompagnarlo a fare dei provini”. Sul luogo dove si svolgeranno i funerali non è ancora stato deciso nulla. Intanto gli amici di Fraporta, il terziere del quale faceva parte Michele, stanno organizzando una veglia funebre che si svolgerà presso la chiesa di san Francesco, non appena la salma arriverà a Narni.


4/8/2009 ore 0:23
Torna su