Lunedì 24/06/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 11:56
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: niente convenzione con il canile di Schifanoia, il Comune pronto a realizzare da solo una nuova struttura a Maratta
Polemiche intorno al canile. Condite da dure accuse che il Pdl muove all’indirizzo dell’amministrazione comunale di Narni. Da molti anni a Schifanoia c’è un canile gestito da una società privata; la struttura ospita centinaia di animali e fino ad oggi ha garantito un buon servizio, permettendo ai comuni della zona di limitare il fenomeno del randagismo. Un paio di anni fa si era parlato di una convenzione tra il Comune di Narni ed i proprietari di questo canile che per parte loro si sarebbero impegnati ad ampliare la struttura ed a farla diventare a tutti gli effetti un vero e proprio canile comprensoriale, poi la novità: “il canile lo facciamo nuovo – hanno annunciato dal Comune -, nella zona di Maratta, su terreni di proprietà dell’Asl”. Ma l’idea non piace al Pdl. “Il Comune – afferma Sergio Bruschini (Pdl) – ha fatto marcia indietro, infischiandosene dell’accordo che aveva sottoscritto due anni fa con i proprietari del canile di Schifanoia e decidendo di spendere qualcosa come 400.000 euro per comprare i terreni dell’Asl e altre centinaia di migliaia di euro per costruirvi il canile. Dove troverà tutti questi soldi il Comune? Tra l’altro è una idea del tutto malsana quella di progettare un canile in una zona – quella di Maratta - inadatta sia dal punto di vista idrogeologico che ambientale”. Dal Comune arriva secca la risposta: “Con i proprietari del canile di Schifanoia – afferma Simona Bozza (assessore ai Lavori Pubblici) -, non è stato trovato un accordo che soddisfacesse entrambe le parti, così ci siamo orientati sul nuovo progetto che verrà realizzato insieme all’Enpa regionale e coinvolgerà le scuole ed i disabili, quindi avrà anche una funzione di carattere sociale. I terreni verranno adeguatamente verificati e tutto verrà realizzato in ossequio alle norme urbanistiche e geologiche. Riguardo ai soldi utilizzeremo un congruo contributo regionale”.
12/8/2009 ore 0:35
Torna su