Venerdì 03/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 16:04
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: le strade del centro storico sono un colabrodo, ma il Comune non le ripara perchè non ha i soldi
Solo negli ultimi giorni ben tre persone sono cadute, facendosi male, a causa della pessima pavimentazione che c’è in alcune vie e piazze del centro storico di Narni. Si tratta di tre donne anziane, che sono dovute ricorrere alle cure dei sanitari per escoriazioni e lussazioni. Una di esse è rovinata a terra in piazza Garibaldi, dove buche e avvallamenti costellano questo bellissimo angolo della città; le altre due signore hanno avuto un’analoga disavventura in piazza dei Priori ed all’imbocco di via Mazzini. Le cadute, con relative distorsioni e conseguenze talvolta anche più gravi, sono ormai all’ordine del giorno e sempre in queste vie e piazze, le uniche dove ci sono ancora i “sampietrini” e la cui manutenzione più recente si perde nella notte dei tempi. La situazione è drammatica in via Mazzini e via Marcellina, due vie che vengono ogni giorno “tartassate” dal passaggio di centinaia di automobili, furgoni e camion. Chi va a piedi deve stare attento a dove cammina, perché tra buche e avvallamenti è un vero percorso ad ostacoli, ma anche chi è alla guida degli autoveicoli deve prestare grande attenzione per evitare di danneggiare sospensioni o organi di trasmissione, come è accaduto diverse volte agli automobilisti. I cittadini invocano da anni gli amministratori comunali affinché queste due vie, ma anche le piazze, vengano ristrutturate come è avvenuto negli anni precedenti per via Gattamelata, via XX Settembre e via Franceschi Ferrucci, ma al di la di vaghe promesse non si è mai andati. “C’era un progetto, stilato qualche anno fa – dicono dall’assessorato ai Lavori Pubblici -, che riguardava la sistemazione di via Mazzini e via Marcellina, con relativo rifacimento dei sottoservizi e della pavimentazione. Il costo si aggirava intorno ai 500mila euro, ma è passato un po’ di tempo ed ora di soldi ce ne vorranno molti di più ed il Comune di questi tempi non può permettersi di spendere”. Insomma le buche rimarranno al loro posto e la gente dovrà stare attenta a dove mettere i piedi. Qualche mattina dei buontemponi, proprio all’imbocco di via Mazzini, hanno piazzato un cartello con su scritto “Attenzione! Buche con acqua”. Sono arrivati i vigili che l’hanno smontato. In precedenza altri cittadini avevano ironicamente lanciato la proposta di “adottare” ognuno una buca e prendersi la briga di ripararla. Ironia a parte, la situazione è davvero al limite ed il Comune dovrà dovrà trovare delle soluzioni in tempi brevi. Magari facendo interventi mirati nei punti dove le buche sono più insidiose che altrove.
19/7/2011 ore 3:50
Torna su