Lunedì 06/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:38
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: le elezioni per eleggere i comitati direttivi delle nuove assemblee territoriali verranno spostate al 27 novembre
Il centro destra ha vinto il primo match. Le elezioni per eleggere i membri dei comitati direttivi delle cinque assemblee territoriali sono state spostate di un mese, dunque non avranno più luogo il 30 ottobre, bensì il 27 novembre. La decisione è stata presa di comune accordo due sere fa dai capigruppo di tutte le forze politiche che hanno preso parte all’incontro fissato dal sindaco Bigaroni proprio per fare chiarezza sulla questione. Come si ricorderà erano scoppiate delle polemiche tra i rappresentanti della minoranza che accusavano la giunta di avere preso delle decisioni, relativamente alla stesura del regolamento che dovrà far funzionare le nuove circoscrizioni, in modo autonomo, senza cioè coinvolgere tutti i consiglieri. La risposta dei membri della maggioranza era stata chiara: “Ogni volta che sono state organizzate delle riunioni ci siamo premurati di invitare i rappresentanti di tutte le forze politiche”, aveva spiegato Sergio Saleppico il presidente del Consiglio Comunale. L’incontro dell’altra sera è servito, dunque, a riportare un po’ di calma ed a permettere di raggiungere un accordo tra i capigruppo. Alla riunione erano presenti il sindaco Bigaroni, il suo vice nonché assessore alle politiche di decentramento Renato Purgatorio, l’assessore al bilancio Alessandro Cardinali, il presidente del consiglio Sergio Saleppico e poi i vari capigruppo: Francesco De Rebotti (Ds), Guido Fabrizi (Sdi), Giulio Ratini (Rc), Daniele Latini (Margherita), Sergio Bruschini (Forza Italia) e Federico Novelli (Lista Insieme per cambiare). All’incontro ha partecipato anche Gabriella Tassi che ad un certo punto ha dato il cambio a De Rebotti. I toni della discussione sono stati pacati: Bruschini e Novelli hanno subito posto in chiaro il concetto che secondo loro andare alle elezioni il 30 ottobre sarebbe stato prematuro, in quanto il regolamento non è stato ancora discusso e ci sono alcuni punti che debbono essere chiariti. La maggioranza si è detta disponibile a rimandare di un mese l’appuntamento elettorale, venendo incontro alle richieste dei membri dell’opposizione. Lunedì prossimo alle 14 ci sarà una nuova conferenza dei capigruppo e lì verranno analizzati meglio alcuni punti del regolamento, mentre mercoledì 12 ottobre è stato indetto un consiglio comunale aperto, allargato cioè alla partecipazione dei cittadini i quali potranno esprimere le loro opinioni e dare quindi un contributo al progetto. Sarà quella l’occasione per approvare il regolamento e fissare anche ufficialmente la data delle elezioni.
8/10/2005 ore 4:53
Torna su