Martedì 17/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:34
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: l'assessore Silipo propone il divieto di transito alle moto di grossa cilindrata ma l'idea non piace a Bruschini
Il Comune di Narni dichiara "guerra" ai centauri. Con l'arrivo della bella stagione, infatti, le strade del territorio vengono puntualmente prese di mira da centinaia di motociclisti i quali, soprattutto nei fine settimana, attraversano statali e provinciali. L'idea di porre un limite a quella che gli amministratori narnesi cnon esitano a definire una vera e propria "invasione" è venuta all'assessore al Turismo Andrea Silipo, il quale in un recente convegno regionale che si è svolto a Casalina, nei pressi di Deruta, ha illustrato quello che lui definisce "un progetto teso a ridare all'Umbria la sua identità di isola felice, immersa nella natura e quindi lontana dai rumori". Secondo l'assessore narnese unendo gli sforzi di tutte le istituzioni si può arrivare allo scopo, "perché – sostiene Silipo – non è possibile che per sei o sette mesi all'anno un territorio come il nostro ed una regione come l'Umbria debbano rimanere 'in ostaggio' di vere e proprie orde di centauri che scambiano le nostre strade per dei circuiti dove lanciare a velocità folli i loro bolidi, producendo un rumore infernale e mettendo a rischio la incolumità di automobilisti e pedoni". L'alzata di scudi, per certi versi impopolare, dell'assessore Silipo non mancherà di provocare reazioni da parte di associazioni che riuniscono gli appassionati delle due ruote, o magari di ristoratori ed albergatori che potrebbero avvertire nelle parole dell'amministratore una minaccia per i loro affari, ma l'assessore liquida con una alzata di spalle questa eventualità. "Le nuove strategie di rilancio turistico del territorio narnese – spiega Silipo – debbono necessariamente passare anche attraverso certe forme che possono sembrare dure e comunque repressive. Ad imporre certe scelte è una situazione che è divenuta intollerabile a causa della inciviltà di molti motociclisti che con il loro comportamento danneggiano una categoria intera. Da parte nostra non siamo più disposti a tollerare queste 'invasioni' e stiamo predisponendo un piano 'di difesa' che dovrà tutelare in primo luogo i cittadini ma anche gli stessi automobilisti". L'assessore Silipo spiega il suo progetto: "intanto ricorreremo all'uso di autovelox che andremo ad installare in determinati punti delle strade che sono più a rischio. So benissimo che questa non potrà essere una soluzione in senso assoluto, ma come base di partenza riuscirà, ne sono convinto, a dare dei primi risultati. L'intervento più importante sarà tuttavia quello che impedirà ai centauri di attraversare il centro storico di Narni; per fare ciò installeremo dei segnali all'altezza di Ponte Sanguinaro sulla Flaminia. Chi dovesse ignorare i divieti, verrà multato pesantemente. Stesse disposizioni verranno prese in altre strade che riterremo opportuno tutelare". Silipo ci va giù duro ed avverte: "ho già illustrato il mio progetto sia in Provincia che in Apt e tutti lo hanno molto apprezzato. Narni e l'Umbria hanno il diritto di tornare ad essere delle zone tranquille, dunque i motociclisti dovranno adeguarsi a delle precise regole, nel rispetto di chi in questa terre ci vive".
"Andatelo a dire a Goliardo Filippetti che Silipo vuol dichiarare guerra ai motociclisti – osserva Sergio Bruschini (FI) – e poi sentirete la risposta". Filippetti, per chi non lo sapesse, è un signore che viaggia sull'ottantina, da sempre grande appassionato di moto, tanto da averne collezionate a decine che fanno bella mostra di se in un salone della rocca, nonché meccanico di grande fama. Bruschini ricorda inoltre a Silipo che "Narni è la città che ospita da tanti anni il raduno nazionale dei picari", ma l'assessore aveva comunque precisato che nel mirino del suo provvedimento i "picari" sarebbero stati esclusi, in quanto appartenenti a una categoria ritenuta assolutamente "pacifica". "Silipo – conclude Bruschini – non si rende conto del danno che farebbe al territorio impedendo l'accesso ai motociclisti. E poi è davvero convinto che con qualche cartello risolverebbe il problema dell'accesso nelle strade del borgo? Beato lui!".
8/4/2008 ore 5:19
Torna su