Venerdì 19/07/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 19:24
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni, l'assessore al Bilancio Silvia Tiberti interviene sulla questione dei crediti di dubbia esigibilità
Riceviamo e pubblichiamo l'intervento dell'assessore al Bilancio Silvia Tiberti, in risposta alle affermazioni fatte alcuni giorni fa dal consigliere comunale Sergio Bruschini (FI). "L’amministrazione - scrive la Tiberti -, ogni anno, riduce il proprio disavanzo tecnico generato dal procedimento del riaccertamento straordinario dei residui attivi e passivi. Si tratta di un atto voluto dal legislatore, con decorrenza 2015, per effetto della riforma introdotta con il D.lgs 118/2011 che segna per gli enti locali l’introduzione dei principi dell’armonizzazione contabile. L’amministrazione - prosegue l'assessore -, ha scelto la possibilità di rientrare dal disavanzo, normato dal legislatore nel 2015 e generato dal passaggio al nuovo sistema contabile il quale viene definito 'tecnico', accantonando, ogni anno, nel proprio bilancio, una quota pari ad euro 60.009,00 distribuiti in un arco temporale massimo di 30 anni. Quando si parla di disavanzo economico, si parla contrariamente di disavanzo generato dalla gestione di competenza. Qualora l’amministrazione avesse chiuso l’anno 2018 con un disavanzo economico non avesse rispettato il rientro del disavanzo tecnico come sopra illustrato e non avrebbe avuto il parere positivo del Dirigente ai servizi finanziari ed il parere positivo da parte del Collegio dei Revisori dei conti. Detto ciò, i dati parlano chiaro e nel triennio 2016-2018, il disavanzo tecnico del Comune di Narni diminuisce più di quanto atteso. Infatti, oltre ai 60.009 euro di accantonamenti a ripiano annui, si può notare un miglioramento ulteriore per 61.688,29 euro. Questo significa - sottolinea la Tiberti -, che il ripiano del disavanzo potrà essere attuato anticipatamente rispetto ai tempi previsti e che nessun disavanzo economico ha minacciato il Comune nella gestione di competenza. L’allarmismo del consigliere Bruschini è sul versante dei residui attivi, che contano circa 13 milioni di euro e che sono rappresentati dalla massa di crediti da riscuotere da parte dell’amministrazione. Purtroppo, una parte di tali crediti si caratterizza per Imu, Tasi, Tari, sanzioni per Codice della Strada e si inserisce nella cosiddetta massa critica della riscossione coattiva, formata prevalentemente dall’incapacità economica di molti utenti di poter assolvere agli obblighi tributari. Ovvio che una massa critica di tale portata genera effetti poco piacevoli, sia per la gestione dei contenziosi tributari, sia per la carenza di liquidità. L'amministrazione accantona ogni anno, per i cosiddetti crediti di dubbia esigibilità e non inesigibili, a tutela del bilancio ed in base al principio della prudenza, una quota la cui percentuale minima viene stabilita ogni anno nel Def, quota che oggi ammonta a circa 6 milioni di euro e che altri 5 milioni di euro si accantonano, a titolo vario, per i vincoli di bilancio in avanzo vincolato. L’amministrazione ripresenterà in Consiglio Comunale la proposta di prolungamento delle rateizzazioni e di riduzione della soglia a titolo di garanzia fideiussoria,questa sarebbe, una modalità per permettere all’utenza più vulnerabile del nostro territorio di mettersi in regola con i debiti tributari, nel frattempo per tamponare al la carenza di liquidità l’amministrazione ha messo in campo diversi strumenti. I crediti di dubbia esigibilità - conclude l'assesore Tiberti -, non sono considerati inesigibili e pertanto non possono essere stralciati dal bilancio. Dichiarare un credito inesigibile, quando esiste la ragione della sua esistenza, comporta un danno erariale per l’Ente e la sua cancellazione è legittima solo quando sono state esperite tutte le fasi del procedimento di escussione coattiva del credito, procedimento a fattispecie progressiva che non si esaurisce se non nel lungo periodo".
15/6/2019 ore 4:30
Torna su