Domenica 16/06/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:57
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: l'artista Agapito Miniucchi dona alla cittā una scultura in pietra e ferro
Un'opera d'arte di pregio donata da Agapito Miniucchi alla cittā. Verrā installata in piazza Cavour, nei pressi dell'ingresso della Cattedrale, nel punto dove fino a ieri c'era una panchina circolare di marmo e legno. Si tratta di un'opera inserita nel catalogo, realizzata dall'artista ternano nel 1990 e donata dallo stesso al Comune di Narni che ha deciso di collocarla in quel punto di massima visibilitā. L'opera č formata da quattro blocchi di pietra al centro dei quali verrā posizionata una struttura metallica composta da una base quadrangolare, un perno centrale e una lunga "pala". Esaa vuole rappresentare "il passare del tempo" mentre le pietre stanno a significare "i vasi dome i contadini mettevano le sementi e le farine". L''opera verrā inaugurata ufficialmente verso la metā di settembre in occasione di altre iniziative che l'amministrazione comunale sta organizzando in collaborazione con l'universitā La Sapienza di Roma. E' l'assessore alla Cultura A.Laura Bobbi ad illustrare in modo dettagliato la nuova scultura di Miniucchi collocata in questi giorni in piazza Cavour, di fronte all'ingresso della Cattedrale. "L'Amministrazione, con la collaborazione dello scultore Agapito Miniucchi e del Laboratorio in Narni La.R.E.S. – ha detto Bobbi - ha voluto porre in essere un primo atto di trasformazione. La posa in opera non di un monumento ma di un oggetto d'arte e soprattutto d'uso, vuole nobilitare la seduta sulla piazza in attesa del completamento delle opere che, attraverso dei semplici elementi di arredo (nuovi sedili), adeguate illuminazioni per i Monumenti, idonea segnaletica, valorizzino rilevanze e preesistenze note, quali la necropoli paleocristiana sottostante, S. Giovenale, e la cinta muraria romana. Un sistema adeguato di elementi informativi delle rilevanze stesse e dissuasori al traffico completeranno ed aggiorneranno l'immagine e la fruizione della stessa piazza. L'utilizzo di un opera d'arte di pregio – spiega Bobbi - vuole essere il primo atto di un percorso di riqualificazione degli spazi urbani della cittā antica di Narni che vedrā in una forma programmata, anche attraverso la ripetizione periodica di eventi culturali qualificanti, la realizzazione di una sorta di Museo all'aperto.

8/8/2006 ore 5:18
Torna su