Venerdì 22/06/2018
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 21:06
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: la Prociv cresce e si sviluppa sul territorio, in arrivo una serie di corsi di formazione
Quasi quarant'anni di vita. Per un'associazione, quella della Prociv Arci di Narni, che in tutti questi anni si è distinta per l'impegno dei propri volontari. La Prociv in tutto questo tempo è cresciuta, sia come numero di volontari che sotto l'aspetto qualitativo dei servizi messi in campo per collaborare nelle azioni nelle quali è stata chiamata in causa. "La nostra associazione - spiegano dal direttivo della Prociv -, nasce nel 1980 in occasione del terremoto dell’Irpinia e più esattamente dalla volontà di un gruppo di operai dell’allora Elettrocarbonium. Fu proprio la solidarietà verso la popolazione colpita dal sisma, la motivazione che indusse questo gruppo di lavoratori a chiedere alla Società la possibilità di usufruire delle proprie ferie maturate al fine di recarsi nei luoghi disastrati. L’Elettrocarbonium non solo accettò l’iniziativa e concesse il permesso, ma effettuò il cosiddetto 'distacco' senza penalizzare le giornate di ferie degli operai. Inoltre, mise a disposizione mezzi e materiali (tute da lavoro, guanti, scarponi ecc.), permettendo ai soccorritori volontari di approntare la prima 'colonna mobile' della nostra storia. In quei tempi pioneristici (ancora neanche si parlava di Protezione Civile…) la solidarietà delle persone crebbe in modo esponenziale e in tanti si unirono all’iniziativa: tra questi numerosi cittadini narnesi, l’Ospedale di Terni, la Provincia, il Comune di Narni. Tutti diedero tutti prova della loro sensibilità e disponibilità ingrossando le file della colonna mobile. Da quella esperienza, alcuni volontari (tra i quali Franco Ricci..) decisero che era ora di lasciar perdere l’improvvisazione del momento e strutturarono protocolli e piani operativi da seguire in caso di calamità naturali. Nacque così la Prociv Arci Nazionale, un’associazione di volontariato di Protezione Civile che decise di operare su tutto il territorio nazionale ed anche oltre. Da quel momento - sono ancora i volontari narnesi della Prociv a parlare -, le nostre squadre di soccorso sono sempre state presenti su tutti gli scenari disastrosi che si sono purtroppo verificati: dalla frana di Sarno, al terremoto di San Giuliano (dove le vittime furono soprattutto bambini e maestre di scuola…), al terremoto de' L’aquila o a quelli di Emilia, Marche e Umbria fino all’ultimo del Centro Italia. I più audaci si spinsero fino in Kosovo, al seguito del contingente di pace della Missione Arcobaleno. Oggi la nostra associazione è composta da una quarantina di Volontari formati e con buone competenze tecniche, che ci permettono di intervenire su micro calamità locali ed in servizi di presidio sul territorio. I più professionalizzati, fanno parte della colonna mobile della Prociv Arci Nazionale, che insieme a gli altri cinquemila volontari sparsi sul territorio nazionale, portano aiuti e solidarietà alle persone meno fortunate".
I CORSI DI FORMAZIONE ORGANIZZATI DALLA PROCIV PER IL 2018
Corso decreto 81/2008 “Applicazioni per attività di Protezione Civile” Relatore Dott. Ing. Alfonso Morelli, (si terrà il 09/03/2018 – 1^ parte e il 16/03/2018 – 2^ parte. Tot. 8 ore).
Corso sulle normative nazionali regionali e comunali in materia di Protezione Civile. Relatore Dott. Francesco Lucaroni funzionario regione Umbria. (data da destinarsi).
Corso BLS.D pediatrico e per adulti - Refresh- Relatore Croce Rossa Italiana (Marzo 2018.
Corso informativo e preventivo "Incidenti domestici". Relatore Istituto Superiore di Sanità. (Aprile 2018).
Corso per applicazione Piano Comunale di Protezione Civile. Relatore Arch. Antonio Zitti (data da destinarsi).
Corso "Sul rischio idrogeologico". Relatori Geologo Andrea Ricci e Dott. Lorenzo Filiberti (data da destinarsi).
8/3/2018 ore 11:15
Torna su