Lunedì 26/08/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 06:10
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: la Giunta comunale corre in aiuto dell'Asit, presto le guardie ambientali si apposteranno e faranno le multe a chi lascia in giro i rifiuti
Arrivano le guardie ambientali. E stavolta non per informare e fare prevenzione ma per colpire a suon di multe i trasgressori. L’Asit, l’azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti, ha avuto il via libera dal Comune e dunque nel giro dei prossimi giorni si attiverà per incaricare ufficialmente alcuni enti ed associazioni ambientaliste che hanno ricevuto l’omologa da parte della Prefettura di Terni e che dunque sono in grado di assicurare una adeguata vigilanza ambientale. Chi non rispetterà le regole verrà punito e sarà costretto a pagare delle sanzioni amministrative. Le guardie ambientali avevano già fatto tempo addietro la loro comparsa nelle vie di Narni ed in quelle della periferia, ma i risultati non c’erano stati. Anzi, la gente ha continuato a buttare i sacchetti pieni di rifiuti ovunque, agli angoli delle strade o accanto ai cassonetti per la raccolta differenziata. Le guardie avevano insomma cercato di suggerire a quei cittadini colti in flagrante di avere un comportamento più civile, di rispettare le regole e di separare i rifiuti, ma per tutta risposta il fenomeno anziché diminuire è aumentato tanto che nelle ultime settimane Narni è stata da molti paragonata ad una città del meridione dove il problema dei rifiuti abbandonati sulle strade è all’ordine del giorno. Con la delibera del Comune, che autorizza l’Asit ad avvalersi della collaborazione delle guardie ambientali, la musica cambia ed ora per le decine (forse centinaia) di cittadini narnesi che per tanto tempo hanno agito con incivilità sarà molto più difficile farla franca, perché i controlli verranno fatti non solo di giorno ma anche nelle ore notturne, quelle in cui i trasgressori scivolano meglio lungo i vicoli ed abbandonano i loro sacchetti dove gli capita. Le multe non sono salatissime ma nemmeno tanto leggere. A chi verrà pescato a lasciare in giro sacchetti di rifiuti le guardie ambientali faranno una multa di 25 euro, se poi i rifiuti abbandonati saranno più ingombranti la cifra potrà salire ed arrivare fino a 150 euro. “E’ chiaro che – ha spiegato l’ingegner Carlo Barbanera dell’Asit -, ci sarà una diversa applicazione della tariffa prevista dall’apposito decreto legge a seconda della consistenza del rifiuto abbandonato. A chi verrà sorpreso a disfarsi illegalmente di un frigorifero o di un divano verrà applicata la tariffa massima”. Mentre però il divano non rientra nella categoria dei rifiuti considerati speciali, per il frigorifero o altri oggetti similari c’è da fare attenzione perché in quel caso non è più un problema di carattere amministrativo ma si sconfina nel penale proprio per la particolare composizione dei materiali e delle sostanze che compongono certi macchinari. Le guardie ambientali agiranno in divisa e quindi saranno facilmente identificabili dai cittadini. Parte dei proventi ricavati dalle multe che verranno comminate verranno impiegati dall’Asit per sostenere campagne promozionali con le quali i cittadini verranno informati della necessità di adeguarsi alla raccolta differenziata.
6/11/2006 ore 5:18
Torna su