Lunedì 14/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:11
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: la Curia "presta" il Policentro Arca al Comune, per realizzarvi l'aula magna universitaria in attesa che si apra quella dell'ex Vittoria
Anche la Curia diocesana si pone al servizio dell'università narnese. Il vescovo Vincenzo Paglia aveva promesso forti collaborazioni con il Consorzio ternano e con il Comune di Narni, in modo che anche la Chiesa facesse la propria parte per potenziare i servizi del polo universitario ed il primo passo concreto è stato fatto in queste ore con l'allestimento di una nuova aula magna all'interno dell'ex Seminario di piazza San Francesco. Un intervento di emergenza dettato dal fatto che i lavori di ristrutturazione ed adeguamento dell'ex cinema Vittoria, acquistato nei mesi scorsi dal Comune di Narni proprio per realizzarvi la nuova aula magna dell'università, sono partiti in ritardo e dunque i locali non sarebbero stati disponibili per l'inizio dell'anno accademico. Pronta la soluzione della grande sala dell'ex seminario, denominata "Policentro Arca", uno spazio enorme dove un tempo c'era il refettorio e fino alla metà degli anni settanta vi era stata impiantata la palestra dell'istituto Commerciale. Il Comune ha preso in affitto circa 300 sedie provviste di scrittoio e dunque già da questa settimana alcune lezioni del primo e del secondo corso della facoltà narnese, potranno avere luogo in questo spazio. Ma i rapporti di collaborazione con la Curia non andranno ad esaurirsi una volta aperta l'aula magna presso l'ex Vittoria, perché c'è un accordo tra le parti che prevede l'utilizzo di vari spazi all'interno dell'ex seminario. "Non abbiamo ancora stabilito in modo preciso quali saranno i termini di questo accordo – spiega Andrea Proietti, segretario particolare del sindaco Bigaroni -, certo è che i numerosissimi locali che si trovano all'interno dell'ex seminario potranno in parte essere adibiti ad aule universitarie". Insomma, con il raddoppio degli studenti (dall'anno scorso a quest'anno si è passati da 400 a circa 800) era necessario trovare altri spazi ed il Comune non si è fatto trovare impreparato. "Questo è solo l'inizio – spiega ancora Proietti – perché quando verranno ultimati i lavori al 'San Domenico' avremo a disposizione un vero e proprio auditorium che, trovando a poca distanza da piazza Marzio, tornerà molto utile agli scopi".




9/10/2007 ore 4:59
Torna su