Lunedì 21/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:09
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: incrocio "critico" tra via Marcellina e via Gattamelata, auto in sosta vietata rendono complicata la svolta a sinistra
Un incrocio complicato. E tutto per colpa di gente senza scrupoli che puntualmente parcheggia (per intere giornate) la propria automobile nel punto più critico. E’ capitato decine di volte che macchine o furgoni che, scendendo da via Marcellina, dovevano svoltare a sinistra per via Gattamelata, sono rimaste incastrate creando ingorghi. La storia si è ripetuta anche alcune sere fa, quando un pulmino della Asl 4, adibito al trasporto di disabili, si è “incastrato” in questo incrocio per colpa della solita auto parcheggiata in divieto di sosta. L'episodio è accaduto intonro alle 20, in un orario in cui non c’è un gran traffico ma, dopo venti minuti di blocco stradale, si sono comunque formate file di auto, con i conducenti che si chiedevano il perché di quell’ingorgo. Ancora una volta era accaduto che nel punto dove il tratto in discesa di via Marcellina si inserisce su via Gattamelata, qualcuno aveva parcheggiato, in divieto di sosta, una macchina che rendeva pressoché impossibile la manovra di svolta a sinistra, in direzione di Narni Scalo. Auto di piccole dimensioni riuscivano a girare, ma la manovra diventava complicata, se non impossibile, a mezzi di poco più grandi. Così quando è arrivato il pulmino della Asl 4 con a bordo alcuni disabili, l’autista, che viaggiava insieme ad una operatrice della cooperativa Cipss, ha tentato la manovra, ma si è incastrato e ad un certo punto non poetva più andare nè avanti né indietro. Alla fine, con l’aiuto degli automobilisti di passaggio, il mezzo è riuscito ad andare in retromarcia ed a svoltare a destra, verso il centro di Narni, sebbene l’autista fosse dovuto andare dalla parte opposta. Sono stati chiamati i carabinieri arrivati sul posto pochi minuti dopo, quando però l’ingorgo era terminato. Si pensi per un attimo se al posto del pulmino con dei disabili a bordo, ci fosse stata un ambulanza con dentro un ferito grave o una persona in pericolo di vita. venti minuti di ritardo in casi del genere possono essere fatali. Dunque, per risolvere una volta per tutte il problema, sarebbe sufficiente che il Comune in quel punto installasse una colonnina che impedisca a chiunque di parcheggiare abusivamente. Rendendo finalmente agevole quella che avrebbe dovuto essere da sempre una normalissima svolta a sinistra di un incrocio.
16/9/2009 ore 0:52
Torna su