Domenica 18/08/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 18:08
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni, il sindaco Bigaroni strizza l'occhio a Terni: solo attraverso strategie comuni si potrà costruire un futuro importante
Bigaroni strizza l'occhio a Terni e propone di consolidare una integrazione che era già stata avviata nella fase finale dell'ultima consiliatura. Il sindaco di Narni considera il perfezionamento di una politica integrativa con il vicino capoluogo, come una delle principali cose da fare nel corso dei prossimi cinque anni. "Narni e Terni sono talmente vicine – ha detto Bigaroni - che sarebbe assurdo pensare di continuare ad andare avanti ognuno per conto suo, seguendo strategie di sviluppo che non tengano conto delle varie forme di complementarietà offerte dai rispettivi territori". Narni e Terni, a dire il vero, fino a qualche anno fa non avevano mai legato più di tanto, sebbene a separarle ci fossero solo un pugno di chilometri. Ma l'evolversi di tante situazioni, tra tutte la crisi industriale che ha attraversato i due territori, ha fatto comprendere alle due amministrazioni che era ora di smetterla di ignorarsi. "L'integrazione – dice Bigaroni – si declina in comuni politiche urbanistiche (Piani Regolatori, Piano provinciale e regionale), industriali (Consorzio), dei servizi primari (Multiutility provinciale), della cultura (rete museale e dei beni culturali integrata, programmazione unica degli eventi, rete dei teatri), dell'Università e dell'alta formazione (Consorzio, centri di formazione professionale), e del turismo. Da parte nostra siamo convinti che occorre rafforzare l'integrazione con Terni, rendendo necessario un nuovo sistema della mobilità, a servizio dello sviluppo economico e della qualità dell'ambiente, con l'intento di ridurre il traffico veicolare. In questa direzione – conclude Bigaroni – Terni e Narni devono puntare su un sistema nuovo di trasporti di superficie, che colleghi direttamente le due città, la Cascata delle Marmore con il Ponte di Augusto e la Rocca,e poi ancora i poli universitari, Papigno, la ex Spea e tutti gli altri punti di interesse collettivo".

28/10/2007 ore 12:50
Torna su