Lunedì 17/06/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 21:54
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: il P.r.i. contesta al comune il modo di gestire il servizio idrico da parte del S.i.i. e polemizza sulla decisione di affidargli l'appalto
Il Pri di Narni si scaglia contro il S.i.i.. Non piace nulla ai repubblicani del modo di gestire il servizio idrico da parte dell’organismo che dall’inizio dell’anno controlla distribuzione dell’acqua e fognature in tutti i comuni che fanno parte dell’Ato n.2. Le polemiche sui ritardi con cui il S.i.i. sta provvedendo all’invio delle bollette agli utenti nei giorni scorsi era già stato oggetto di polemica da parte del Pri, che ora torna all’attacco per via della convenzione che il comune di Narni ha approvato nel corso dell’ultimo consiglio comunale e che di fatto affiderà al S.i.i. un mandato che durarà fino al 2034. “E’ inaudita una cosa del genere-affermano i repubblicani di Narni-perché va contro ogni principio di democrazia e di rispetto verso i cittadini. Il Servizio idrico integrato in questi primi mesi di attività si è presentato nel modo peggiore mostrando pecche e lacune molto gravi. I nostri amministratori, per tutta risposta, hanno deciso di affidare a questo organismo, che si è distinto per la sua inefficienza, il servizio per i prossimi trenta anni. Questo vuol dire che non c’è rispetto nei confronti dei cittadini che sono i primi a subire le conseguenze di una cattiva gestione del servizio. Invece di progredire si sta facendo del tutto per far funzionare le cose alla rovescia: si sono voluti creare gli A.t.o., e poi ulteriori aziende che appesantiscono l’iter delle procedure poiché costituiscono un doppione di se stesse e alla fine dei conti vanno a gravare nelle tasche dei cittadini”.
25/5/2004 ore 17:56
Torna su