Domenica 22/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:59
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni, il PD conferma Claudio Proietti nel ruolo di coordinatore comunale: "siamo un partito vivo ed intraprendente"
Si è svolto ieri (sabato 23 ottobre) presso la sala Minerva in Narni Scalo, il Congresso comunale del Partito Democratico di Narni. L’appuntamento ha fatto seguito ai Congressi dei Circoli ed ha preceduto quello provinciale in programma nei prossimi giorni. Candidato unitario a guidare la segreteria, dopo aver svolto questo compito nei primi tre anni di vita del PD narnese, era Claudio Proietti, che è stato riconfermato. Proietti ha annunciato di «voler ancor più valorizzare le pluralità culturali e le sensibilità presenti nel partito e puntare sul protagonismo e l’autonomia dei Circoli, che già in questi tre anni hanno lavorato sul territorio con capacità di ascolto». "Le assemblee congressuali appena svolte - ha aggiunto il coordinatore -, a cui ha partecipato un’alta percentuale degli iscritti, hanno mostrato un partito vivo, intraprendente e dinamico. I segretari dei cinque circoli di Narni, tre confermati, Franco Aramini (San Liberato – Montoro - Nera Montoro – Stifone), Leonardo Pernazza (Narni Scalo – La Quercia – Capitone), Fabio Svizzeretto (Narni Sud), e due nuovi, Elena Quondam Lorenzo (Ponte San Lorenzo – Miriano) e Samuele Bussoletti (Narni centro – Santa Lucia – Testaccio), assicurano qualità, capacità di aggregazione e anche quel necessario rinnovamento generazionale di cui la buona politica deve sempre nutrirsi. Il PD - è sempre Proietti a parlare - arriva a questo appuntamento consapevole della delicatezza dell’attuale fase politica nazionale e locale. I democratici di Narni, consci del ruolo e della responsabilità della principale forza politica del governo cittadino e asse portante del centro sinistra narnese, porranno al centro della discussione il territorio e il partito, il lavoro e lo sviluppo, guardando con attenzione al percorso che ci condurrà verso le elezioni amministrative del 2012. Il documento congressuale che ho presentato, delinea il profilo del partito declinato nella realtà locale e costituisce una base di riferimento, di orientamento, di navigazione, su cui aprire la discussione interna per poi avviare, già dalle prossime settimane, un confronto nel merito con le forze politiche della coalizione e con tutti partiti e i movimenti politici del centro sinistra. E parallelamente attivare un percorso il più possibile ampio di ascolto e partecipazione della città, delle forze sociali ed economiche, per arricchire il nostro programma in sintonia con i bisogni, le aspettative, i sogni di una comunità che vuole essere ancora protagonista". "Il PD a Narni - ha detto Proietti - ha dimostrato in questi anni di essere capace di unire e non dividersi in gruppi, di essere capace di rinnovarsi, avendo dirigenti e amministratori giovani e preparati, di essere in grado di parlare con l’intera società narnese. La sindacatura di Stefano Bigaroni, che si concluderà tra un anno e mezzo, rappresenta per quantità e qualità di governo un patrimonio da valorizzare e un punto da cui ripartire. In questi anni, com’è ampiamente riconosciuto dentro e fuori dei confini del nostro Comune, Narni è tornata a svolgere un ruolo da protagonista nel sistema provinciale e regionale, grazie a una precisa visione e a un chiaro progetto di città, grazie al dinamismo istituzionale. La crisi ha prodotto certamente effetti negativi sull’economia e l’occupazione, aggravate dal governo di centro destra che, se come noi auspichiamo non dovesse cadere presto, con le sue politiche sta trasformando il ruolo dei Comuni da attori e promotori dello sviluppo locale a semplici dispensatori di servizi di base, depotenziando la loro autonomia e penalizzando l’autogoverno delle comunità: altro che federalismo e riforme, questo è un passo indietro di molti decenni".
24/10/2010 ore 4:33
Torna su