Mercoledì 23/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:46
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: il consigliere Petrineschi (Fi) attacca la Provincia dopo le frane cadute sulla Flaminia e lungo la ex Tiberina
Il maltempo scatena le polemiche. Le frane cadute nei giorni scorsi a causa delle incessanti piogge ha costretto l’Ufficio Viabilità della Provincia a chiudere al traffico una strada (la ex Tiberina) e ad istituire il senso unico alternato lungo la Flaminia alle porte della città, provocando forti disagi a migliaia di cittadini. Secondo il consigliere provinciale di Forza Italia “la Provincia sta affrpontando con leggerezza il grave problema non rendendosi conto dei danni che queste interruzioni stanno provocando nei confronti dei cittadini”. Petrineschi parla di “forti responsabilità da parte dell’amministrazione provinciale” e sollecita il presidente Cavicchioli a prendere in mano la questione ed a fare in modo che Tiberina e Flaminia vengano riaperte prima possibile. “C’è stata trascuratezza da parte di qualcuno – osserva il consigliere di Forza Italia – perché altrimenti non si spiega il perché la frana caduta una settimana fa nei pressi di Porta Romana, per colpa di qualche mucchietto di terra accatastata da una parte, debba ancora giustificare la presenza di un impianto semaforico che crea code chilometriche a tutti gli automobilisti che vanno e vengono da Calvi, Otricoli e dalle frazioni a sud di Narni. Che si aspetta a mettere in sicurezza il lato dove è caduta la frana ed a riaprire al traffico tutta la carreggiata?”. Poi Petrineschi affronta la questione riguardante il blocco della Tiberina. “Anche in questo caso – afferma - benché mi renda conto che sono necessarie approfondite operazioni di bonifica e messa in sicurezza, vorrei che qualcuno mi dicesse quali sono i tempi previsti per la riapertura al traffico. Stamattina sono passato e non c’era nessuna squadra di tecnici al lavoro, questo vuol dire che fino a lunedì le operazioni di bonifica non riprenderanno, con tutte le conseguenze ed i ritardi del caso”. Il consigliere, visto che c’è, ne approfitta per ricordare anche “lo stato pietoso in cui versa la strada di Funaria”. Ed aggiunge: “da quando sono iniziate le piogge quella strada, che era e rimane una modesta ‘comunale’, si è trasformata in un percorso da ‘rally’, con buche piene d’acqua ed avvallamenti che mettono a repentaglio la sicurezza degli automobilisti”. Intanto, riguardo al maltempo, il Comune segnala che sono stati fatti interventi sulla strada di Corgneta, tra Capitone e Morellino, per una buca che si era aperta a causa di smottamenti. Altri allagamenti ieri mattina si sono verificati nella zona di Maratta, a Narni Scalo e nei piani di Otricoli, nelle vicinanze del Tevere. Problemi anche a Calvi dove in località Spiazzetta la provinciale “Sabina” si è abbassata di alcuni centimetri ed il Comune ha dovuto installare un semaforo ed istituire il senso unico alternato.
4/12/2005 ore 10:18
Torna su