Lunedì 23/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 01:25
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: il Comune è costretto a mantenere 300 cani ma non ha i soldi per aiutare le famiglie in difficoltà
Da una parte i cani, dall’altra i cittadini narnesi. La situazione che si è venuta a creare ultimamente a Narni ha messo davvero in contrapposizione i cittadini, ovvero le persone, e i cani custoditi all’interno del canile privato di Schifanoia. Che sono davvero tanti: quasi 300, ma che soprattutto stanno costando al Comune di Narni centinaia di migliaia di euro all’anno per la loro custodia ed il loro mantenimento. Uno sforzo notevole, sostenuto per tanti anni ma che ora l’amministrazione, per effetto della grave situazione congiunturale, non ce la fa più a reggere. “Se ne avessimo la possibilità – dicono dal Comune -, continueremmo volentieri a sostenere questi costi, ma oggi la situazione è cambiata: alla nostra porta bussano ogni giorno decine di persone che hanno perso il lavoro e dunque chiedono il nostro sostegno. Parliamo di gente che ha tre, a volte quattro o cinque figli da mantenere e che ha perso il lavoro. Come possiamo spiegare a questa gente disperata che il nostro comune si permette di spendere 300mila euro all'anno per dare un tetto e da mangiare a trecento cani, quando spesso non abbiamo soldi per aiutare le famiglie bisognose? ”. Dunque, con la convenzione ormai scaduta, si è arrivati al capolinea: o tutti quei cani vengono trasferiti in altre strutture, o il Comune sarà costretto ad alzare bandiera bianca, rinunciando a tirare fuori i soldi che per anni ha versato nelle casse del proprietario del canile. Questa seconda soluzione non dovrà tuttavia pesare sul futuro delle povere bestiole che hanno tutti i diritti di essere tutelate. E’ per questo che il Comune aveva pensato di risolvere il problema affidando una parte dei cani ad un canile di Parma, il cui proprietario si era offerto di ospitarne anche 200 nella sua struttura, ma a questa soluzione, che avrebbe permesso al Comune di risparmiare in modo secco decine di migliaia di euro, si sarebbero opposti l’Enpa e le guardie zoofile che temerebbero per il futuro degli animali. “Il nostro comune – dice il sindaco Bigaroni -, è in prima fila da anni nella lotta al randagismo ed abbiamo sempre avuto grande cura e rispetto per i cani, tanto che abbiamo sostenuto per così tanto tempo il canile privato. Oggi le cose sono cambiate e non abbiamo più i mezzi per gestire allo stesso modo la situazione. E’ dunque necessario trovare un punto di incontro che tenga conto della tutela degli animali e di quella che è la realtà finanziaria attraversata dal nostro comune”. Anche riguardo al futuro delle attuali dipendenti del canile il sindaco assicura: “faremo del tutto per non mandare nessuno in mezzo alla strada”.
22/12/2011 ore 1:39
Torna su