Mercoledì 12/08/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 19:41
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: i lupi si avvicinano alle case intorno al lago Aia, la gente ha paura
E' emergenza lupi nelle zone collinari intorno a Narni. Da qualche tempo questi animali sono stati avvistati nella zona nord del comune di Narni. Si tratterebbe di un piccolo branco che è stato visto vagare nella zona di Palombara e nei boschi circostanti. Qualcuno ha riferito di aver visto i lupi transitare anche dalle parti di Altrocanto, in una zona più collinare di quella intorno al lago Aia e sulle montagne intorno a Calvi. Un grosso esemplare sarebbe stato avvistato nei pressi di un ovile, mentre, raggiunto il tetto di un capanno, stava cercando di penetrare all'interno per fare razzia di pecore. Alla vista della gente l'animale è però scappato, ma i proprietari dell'ovile e chi abita in zona temono che possa tornare, magari in compagnia di altri esemplari. C'è poi la testimonianza di alcuni cacciatori i quali affermano di aver trovato nei boschi intorno a Itieli delle carcasse di cuccioli di cinghiale. Ed a giudicare dalle condizioni di quei resti sembra proprio che siano stati sbranati. Nei mesi scorsi alcuni pastori, che hanno le loro greggi nella zona collinare di Narni, avevano denunciato la morte di numerose pecore e tutte, sembra, per sbranamento. Segnalazioni arrivano anche dalla zona di Calvi dell'Umbria, quella a ridosso del monte San Pancrazio, che sarebbe poi molto vicina ai centri abitati de Itieli e di Altrocanto, a conferma che il branco potrebbe essere lo stesso. Gli esperti riferiscono che i lupi sono animali che si muovono molto frequentemente e sono anche in grado di compiere lunghe distanze. Ora la gente ha paura e non solo per il fatto che i lupi in branco potrebbero attaccare greggi, allevamenti e pollai, ma per la loro stessa incolumità. Trovarsi faccia a faccia con un lupo affamato non farebbe piacere a nessuno. Dunque è scattato l'allarme tra la gente che abita nelle zone considerate più a rischio. Ma anche tra coloro che hanno degli allevamenti in collina ed in montagna per i quali soggetti aumentano le possibilità di fare brutti incontri, magari di notte.
I CONSIGLI DEGLI ESPERTI
Partendo dal fatto che il lupo in Italia è un animale protetto e che dunque la legge vieta di sparargli senza un motivo, i consigli che gli esperti danno nel caso ci si trovi di fronte a uno o più lupi è quello di evitare il più possibile di fare movimenti bruschi. "E' opportuno - viene spiegato - parlare ad alta voce, evitare di fare movimenti bruschi e indietreggiare senza voltarsi in modo tale da mantenere la distanza tra se e l'animale. In questo modo si lascia una via di fuga al lupo che si allontanerà senza attaccare".
A titolo statistico i dati dicono che i lupi uccidono ogni anno in Italia migliaia di pecore.
10/1/2014 ore 12:00
Torna su