Domenica 22/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:56
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: i carabinieri aumentano i controlli sul territorio con più pattuglie nel centro storico e nelle frazioni
Controlli intensificati su tutto il territorio. La stazione dei carabinieri di Narni centro, comandata dal maresciallo Tito Saveri, in questo periodo ha approntato una serie di servizi aggiuntivi attraverso i quali l’Arma intende far sentire ancora di più la propria presenza sul territorio. In particolare vengono monitorate con ulteriori pattugliamenti quelle zone che soprattutto in estate vengono prese di mira dai ladri, ovvero tutte le frazioni a sud di Narni. Una doppia pattuglia percorre quotidianamente le strade di collegamento tra il capoluogo e le frazioni e tra queste ultime ed i punti considerati più appetibili dai malfattori in caso di fuga: la Flaminia ed il raccordo Terni-Orte. Ma la presenza, discreta ma al tempo stesso palpabile, dei carabinieri è stata intensificata anche nel centro storico dove di recente non sono purtroppo mancati episodi di cronaca che hanno visto i rappresentati dell’Arma in prima linea. Il più recente è quello riguardante l’arresto del pensionato 62enne, accusato di aver molestato una bimba di sette anni all’interno del teatro comunale. Qualche mese prima i carabinieri di Narni avevano messo a segno un altro bel colpo smantellando un giro di spaccio di droga che avveniva proprio nelle piazze e nelle strade del centro cittadino. L’intensificazione dei controlli fa particolarmente piacere agli abitanti delle frazioni narnesi i quali ultimamente hanno pubblicamente ringraziato l’Arma per l’assidua presenza nei loro paesi. Una presenza coincisa con una drastica riduzione dei furti avvenuti nelle campagne narnesi. Un calo nettissimo di reati di questo tipo, riconducibile sicuramente al costante pattugliamento fatto giorno e notte dai militari nelle frazioni a sud di Narni.
1/8/2011 ore 0:10
Torna su