Domenica 29/03/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:05
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: degrado intorno al lago Aia, rifiuti spuntano da tutte le parti ai bordi della provinciale
Discariche, una vera e propria piaga. Una vergogna che offende il senso civico di ognuno di noi. In queste pagine ci siamo occupati spesso delle situazioni di degrado che ci vengono segnalate sul territorio narnese. Questa volta a fare da "inviato" è stato un nostro lettore, il quale, facendo delle escursioni intorno al lago Aia ha "immortalato" le brutture che gli sono capitate davanti. "Sono un cittadino che abita alle porte di Narni - scrive il lettore -. Ho la passione per la fotografia e dunque nelle mie passeggiate vado sempre in giro con la mia macchinetta. La mia attenzione è stata attratta dalle tante, piccole discariche che ci sono intorno al lago Aia.Che ho riassunto in questo piccolo 'reportage' fotografico. Partendo dal bivio di Ponte Aja e percorrendo la provinciale che costeggia il torrente ed il lago omonimo, fino al bivio per Sant'Urbano, ho potuto fotografare tutto ciò che vedete nelle immagini che ho inviato alla redazione di Narnionline.com. Dispiace vedere certi 'spettacoli'. Il lago Aja, un bacino idrico accostato in passato ad area naturalistica di sosta e ripopolamento per uccelli e fauna fluviale, abbandonato all’incuria e alle cattive abitudini dei frequentatori. Ovunque si può notare sporcizia, cartacce,avanzi di bivacchi e spazzatura abbandonata. Le poche piazzole presenti risultano prive di cassonetti e non sono per niente curate, al punto che vengono spesso trasformate in discariche abusive. Angusti e pericolosi sentieri portano direttamente sulle sponde del lago. Un angolo di pace lasciato in balia di sé stesso e che invece andrebbe valorizzato e gestito al meglio". Lo sfogo del nostro lettore è più che legittimo. sarebbero opportuni maggiori controlli in tutta la zona del lago. Magari da parte delle stesse Guardie Ambientali che da qualche tempo a questa parte stanno svolgendo egregiamente il compito di monitoraggio e controllo del territorio.
16/12/2016 ore 4:35
Torna su