Giovedì 14/11/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:34
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: centro storico e Scalo ancora troppo "lontane", il minimetro risolverebbe ogni problema
Uno degli obiettivi della nuova giunta De Rebotti è quello di "unire" Narni con Narni Scalo. Più volte abbiamo sentito il sindaco ripetere "basta con questa distinzione, tra centro storico e Scalo; la città deve essere considerata una soltanto". Bene. Sarà allora arrivato il momento di unirle davvero queste due realtà e di mettersi sotto per rispolverare un progetto (vecchio di una trentina di anni) che prevedeva il collegamento diretto e veloce fra il borgo antico e la zona industriale. Come? Con un sistema "aereo" (funicolare) o utilizzando le più moderne, anche se probabilmente più costose, scale mobili o ancora meglio il minimetrò. Il vecchio progetto prevedeva i due punti di attestazione, uno in zona Suffragio, l'altro in via della Doga. le due "estremità" sarebbero state messe in collegamento con una sorta di teleferica sulla cui tratta avrebbero fatto avanti e indietro un paio di cabine adibite al trasporto di persone. Un sistema simile ai tanti presenti in giro per il mondo, senza andar troppo lontano anche a Orvieto e Gubbio. Ma un progetto ancora più moderno e dinamico potrebbe essere quello di un minimetrò, tipo quello realizzato a Perugia. Certo creare un impianto di questo tipo tra Narni e Narni Scalo sarebbe un pò più complesso perchè le pendenze sono più accentuate, ma certo che risolverebbe il problema degli spostamenti tra le due realtà, avvicinandole in modo definitivo. In cinque minuti si potrebbe andare da Narni allo Scalo e viceversa e nei punti di attestazione, se non si volesse andare a piedi, le navette potrebbero completare il servizio di trasporto. In Comune non hanno mai abbandonato l'idea di rispolverare il progetto, ma c'è come al solito il problema dei soldi. Un impianto del genere costa un sacco di quattrini che l'amministrazione non ha. Ricorrere a dei fondi comunitari, ad hoc per promuovere la mobilità alternativa, potrebbe essere una soluzione. Ma quanti anni ancora i narnesi dovranno aspettare per poter fare su è giù tra il capoluogo e lo Scalo, in modo pratico e veloce?
17/12/2012 ore 2:24
Torna su