Giovedì 02/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 13:24
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni, barriere architettoniche, la denuncia del M5S: "il Comune si disinteressa di disabili ed anziani"
Il problema delle barriere architettoniche a Narni è presente in modo molto serio. Sono tante le strutture pubbliche che impediscono ai disabili di poter accedere in modo agevole. Ma la carenza si registra anche su strade e piazze del nostro territorio. A denunciare la grave situazione è il M5S di Narni. "E' davvero surreale - scrivono i pentastellati in un comunicato -, come, girando per uffici e strutture comunali, ci si accorga della presenza di barriere architettoniche. Uno dei casi più eclatanti è quello che riguarda la sede dell’Inps sita in piazza Galeotto Marzio, dove per accedervi bisogna percorrere una ripida e scomoda scalinata, proibitiva per gli anziani e impossibile da 'scalare' per i disabili. All'interno manca sala d'attesa e le persone sono costrette s rimanersene in un androne sprovvisto di riscaldamento. Per quale ragione - si chiedono da M5S -, il comune ha deciso di ubicare tale sede in questo luogo? Non va meglio per altri uffici 'comunali'. Quelli di via del Campanile, presentano tantissime difficoltà di accesso per i portatori di handicap e non solo. Intanto bisogna superare la scalinata che che inizia in via Garibaldi, poi altri gradini per entrare nell’edificio. La situazione assume i contorni del grottesco se si pensa che è in questi uffici che vengono rilasciati i permessi ai disabili. C'è poi il Teatro Comunale, una delle massime espressioni di cultura della città, dove l'accesso ai diversamente abili è del tutto negato. Lo stesso vale per la delegazione dell'ufficio anagrafe di Narni Scalo, dove non esiste nessun accesso agevolato e tantomeno un parcheggio riservato, come un minimo di buon senso dovrebbe prevedere. Per quanto riguarda il pulmino che accompagna le persone diversamente abili nelle loro attività infrasettimanali, all'interno di paesi che fanno capo all'Ambito territoriale, il servizio viene svolto da persone poste in mobilità. Ci chiediamo quale sia il grado di preparazione e di formazione in possesso di queste persone. Esse sono state preparate per svolgere la funzione di autista e di accompagnatore? Qualora uno di loro dovesse far fronte ad una emergenza di qualsiasi tipo, il dirigente può garantire che gli stessi siano in grado di affrontarla in sicurezza? Si è sicuri che questo tipo di servizio non debba essere, invece, svolto da operatori socio-sanitari, con specifici attestati?".
(Nelle foto alcuni dei luoghi pubblici che presentano situazioni di disagio per disabili e persone anziane)
11/8/2016 ore 2:03
Torna su