Mercoledì 23/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:45
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: "bande sonore" artigianali in strada di Sant'Anna per indurre gli automobilisti ad andare più piano
Un primo intervento attraverso il quale porre dei rimedi alla situazione, per certi versi drammatica, che si era venuta a creare negli ultimi tempi. Parliamo della strada di Sant’Anna, un’arteria utilizzata ogni giorno da centinaia di automobilisti che la scelgono per accorciare i tempi di percorrenza da e per Terni. Ebbene, questa strada negli ultimi tempi è salita con preoccupante frequenza alla ribalta delle cronache a seguito di una serie considerevole di incidenti che si sono verificati nei pressi della curva situata all’altezza del bivio con la strada che immette negli stabilimenti. Una curva particolarmente "scivolosa", che sembrerebbe provocare con una certa facilità delle sbandate. Molti automobilisti sono dell'idea che a mandare fuori strada le macchine sia il tipo di asfalto che è stato posato su questa arteria. Un asfalto che quando cadono un po’ di gocce d’acqua, si trasforma in una superficie sdrucciolevole che fa sbandare le auto nel momento in cui affrontano la curva. I tecnici dell’ufficio viabilità del comune hanno fatto un sopralluogo ed hanno deciso di creare una sorta di “dissuasori” in un ampio tratto della strada, prima della curva, nelle due direzioni di marcia. Un intervento semplice quanto economico: gli operai si sono infatti limitati a “grattare” l’asfalto, creando delle strisce, il cui scopo è quello di ricordare agli automobilisti che quella curva è pericolosa. Delle bande sonore, fatte in modo artigianale, insomma che, secondo il comune dovrebbe fare da deterrente e ridurre sensibilmente il numero degli incidenti. Si vedrà se l’espediente usato sortirà effetti positivi, fermo restando che il comune invita gli automobilisti ad usare la massima prudenza lungo strada di Sant’Anna e quindi ad andare più piano a prescindere dalle “bande sonore”.
17/10/2015 ore 3:51
Torna su