Venerdì 20/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 02:38
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: automobili parcheggiate disordinatamente "addosso" alla chiesa di San Domenico creano ingorghi e sono antiestetiche
Quel parcheggio deve essere rimosso. Crea problemi di viabilità ed è pure antiestetico perché “poggia” addosso alla facciata di una delle chiese più antiche di Narni. Lo spazio ricavato dal comune sul lato destro del portone di ingresso della chiesa di San Domenico, per fare posto inizialmente alle macchine degli insegnanti della scuola media “Luigi Valli”, non può essere destinato a parcheggio, anche perché in assenza di una delimitazione degli spazi sul terreno, ognuno lascia la macchina come meglio crede, creando difficoltà alla viabilità su via Mazzini e puntuali ingorghi ogni qualvolta altri automobilisti debbono uscire dalla piazzetta XIII Giugno per immettersi sulla stessa via. E’ già capitato a numerosi cittadini di dover strisciare la fiancata destra della loro automobile contro il muro perché non ci sono gli spazi per fare manovra, oppure di urtare la parte posteriore di una delle auto parcheggiate di traverso nello spazio “incriminato”. E le proteste di chi abita nella zona non mancano di farsi sentire: “Intanto il comune deve spiegarci perché le catene che delimitano lo spazio antistante la chiesa, dopo che il cantiere è stato chiuso, non sono state rimesse al loro posto. O forse sono stati gli insegnanti della scuola media a chiedere di poter utilizzare quei pochi metri quadrati per metterci le loro macchine ed ora che la scuola è terminata il parcheggio è consentito anche agli altri cittadini. Si tratta comunque di una scelta sbagliata perché è uno scempio vedere quelle macchine “appoggiate” addosso al muro della chiesa, per non parlare dei problemi che creano a chi transita in via Mazzini”. Quattro posti auto, per il comune di Narni, che nel centro storico deve fare i conti con una certa penuria di parcheggi, debbono essere molti se qualcuno all’ufficio tecnico ha pensato di ricavarli in un punto così “delicato”. Ma c’è un limite a tutto e di fronte al pessimo colpo d’occhio che questa improvvisata area di sosta rappresenta è opportuno fare marcia indietro ed eliminare quello scempio.
15/7/2004 ore 3:43
Torna su