Martedì 22/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 19:41
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: atti vandalici nel centro storico, ignoti danneggiano i presepi di piazza Garibaldi e piazza dei Priori
Un atto vandalico. Anzi due. Perchè di brutti episodi abbiamo da raccantarvene un paio. Che, con ogni probabilità, sono da collegare tra di loro, a giudicare dall'accaduto. Atti vandalici, dicevamo, che hanno riguardato i due presepi allestiti nel centro storico di Narni: quello di piazza Garibaldi e quello all'interno della fontana di piazza dei Priori. Due installazioni che da ormai diversi anni, sono diventate una tradizione per i cittadini narnesi e non solo. Ebbene a qualcuno queste tradizioni, legate alla Fede e a dei significati profondamente religiosi, debbono dar fastidio al punto tale che si è pensato di danneggiare entrambi i presepi. In piazza Garibaldi qualcuno, nottetempo, ha "distrutto" la statua che raffigurava l'asinello. Quel che resta di uno dei due animali simbolo della "Natività" lo vedete dalle foto che pubblichiamo. Uno spettacolo brutto e avvilente, che dovrebbe far riflettere ognuno di noi. L'altro gesto, non meno esecrabile, è stato compiuto, anche in questo caso da ingnoti e sicuramente di notte, nel presepe di piazza dei Priori, quello molto bello realizzato anche quest'anno all'interno della fontana. Qui è stata rubata la statuina del Bambin Gesù. Quando ci si è accorti che nella culla in terracotta non c'era più il "Bambinello" si è provveduto a mettercene un altro, evidentemente molto più piccolo e non di terracotta.
Due bruttissimi gesti che creano un profondo dispiacere nell'animo di ognuno di noi. E non soltanto per quello che il presepe rappresenta, ma per il fatto che di fronte a simili episodi ci troviamo costretti a fare i conti con una realtà che sebbene sia dura da accettare, fa parte del mondo attuale, dove non c'è più rispetto nè per le persone e tanto meno per le cose.
31/12/2016 ore 4:10
Torna su