Lunedì 24/06/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 11:56
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: Anna Laura Bobbi spegne le polemiche fatte sulle sue dichiarazioni: "Qualcuno ha travisato le mie parole!"
Nessuna volontà di fare polemica, né tanto meno di attaccare il Vescovo. Anna Laura Bobbi, ex assessore comunale narnese ed attivista dei Ds, spiega così le sue parole dette all’indomani della omelia che monsignor Paglia aveva pronunciato nella Cattedrale narnese il giorno di Natale. “Ma quale attacco al vescovo?-attacca la Bobbi-le mie parole sono state del tutto travisate! Il tono del mio intervento aveva voluto essere semplicemente ironico e, se vogliamo, un po’ irriverente. Non era affatto diretto, però, contro le parole del vescovo, anzi esprimeva condivisione su una ricerca di stili di vita e di consumo più solidali. Peraltro l’omelia a cui volevo riferirmi era quella fatta dal presule il giorno di San Giovenale e non quella natalizia. Lungi da me, però, l’intenzione di puntare il dito contro chicchessia”. La Bobbi ci tiene a puntualizzare che non ce l’aveva in modo diretto nemmeno con i soci dell’associazione “La Sorgente” che avevano organizzato la tombola di beneficenza la notte di Natale: “Il mio intervento, anche in quel caso, era stato mosso dalla necessità di esprimere un concetto di solidarietà duratura che si accompagni alle iniziative umanitarie siano esse laiche o religiose. Voglio dire che la povertà è una malattia strutturale e non una contingenza, quindi va affrontata con una serietà istituzionale di cui tutti i cittadini debbono farsi carico”. Insomma nessuna polemica, ma solo una serie di interpretazioni sbagliate che un po’ tutti avrebbero dato alle parole pronunciate da Anna Laura Bobbi. “Ho tardato a fare chiarezza-spiega-perché non mi andava di alimentare queste chiacchiere, poi quando ho visto che la cosa si stava facendo seria e che addirittura molti cittadini mi guardavano in cagnesco, ho deciso di spiegare come stavano le cose. Certo, però, che se per esprimere un pensiero si scatena un finimondo di questo genere ti passa la voglia di dare un contributo di idee”.
13/1/2005 ore 10:45
Torna su