Martedì 17/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:34
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: affitti alle stelle in tutto il territorio, l'appello del Comune non è stato ascoltato dai proprietari delle case che chiedono sempre di più
Narni si segnala come uno dei comuni dove costa di più andare ad abitare in una casa presa in affitto. L’arrivo dell’università, che risale ormai alla fine del 2006, ha fatto scattare un perverso meccanismo che da un lato è stato salutato positivamente dal comune e dagli stessi abitanti del centro storico, perché la gran parte delle case disabitate sono state nuovamente occupate, dall’altro ha fatto scattare un allarme che sarà bene non sottovalutare, poiché i costi altissimi dei canoni di affitto si ripercuotono negativamente sul bilancio economico di molte famiglie narnesi costrette a vivere in case prese a locazione. Involontari “colpevoli” della situazione sono gli studenti che con il loro massiccio arrivo hanno innescato l’ingordigia di molti proprietari di case. Fino a pochi anni fa nel centro storico di Narni si riusciva ad affittare un appartamento di piccole dimensioni anche a 250 euro, oggi per la stessa abitazione è necessario sborsare il doppio e talvolta anche di più. Se poi l’immobile è composto da più vani, i costi lievitano a dismisura perché il proprietario cerca di ottimizzare al massimo gli spazi affittando l’abitazione a gruppi di studenti che arrivano a pagare anche 300 euro a testa. Ci sono case all’interno delle quali vivono anche sei studenti che fruttano cifre astronomiche ai proprietari. Insomma a questi soggetti l’università ha portato degli introiti inaspettati, ma il lievitare dei costi di affitto sta penalizzando quelle famiglie alle quali vengono chieste cifre assurde che non possono permettersi. La giustificazione dei proprietari delle case è sempre la solita: “ci dobbiamo adeguare alle cifre attuali. Gli aumenti non dipendono da noi ma dall’arrivo dell’università”. Il Comune lo scorso anno provò a fissare una sorta di calmiere, e chiese ai proprietari delle case in affitto di comportarsi con onestà, evitando speculazioni, ma a quanto pare nessuno ha raccolto questo invito ed oggi affittare una casa a Narni costa di più che farlo a Terni. Molti di quei cittadini che si sentono vessati da questa situazione chiedono al Comune di attivare dei controlli per verificare che i contratti di locazione siano stati fatti in modo regolare. Perché, stando alle voci, sembra che in molti casi le case siano addirittura state affittate “in nero”.
29/2/2008 ore 5:51
Torna su