Sabato 20/07/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 12:24
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: è il giorno della festa del Patrono, nel pomeriggio in piazza dei Priori la "Corsa Storica"
Narni celebra oggi (venerdi 3 maggio) la festa del santo patrono Giovenale, primo vescovo della città vissuto nel IV secolo. Una festa che si rinnova con la solennità che da sempre i narnesi riservano al loro Santo patrono, un momento d’incontro, di unione e di solidarietà. Alle 10,30 si terrà il solenne pontificale presieduto dal vescovo di Terni-Narni-Amelia, padre Giuseppe Piemontese. Al termine della celebrazione seguirà la processione per le vie del centro di Narni con il busto di san Giovenale, accompagnato dalla rappresentanza del corteo storico in costume d’epoca, dai sacerdoti della forania di Narni, dai cavalieri del Santo Sepolcro di Gerusalemme, dalle autorità cittadine e fedeli. "In questo giorno - ricorda il vescovo Piemontese -, veneriamo san Giovenale, il santo vescovo di questa comunità, il defensor civitatis, il consolatore degli afflitti, il padre dei poveri, la pietra miliare della identità di questa nobile città. La lunga tradizione storica ha bisogno di ricevere continuità ai nostri giorni, ma anche di riscoprire quella parte di autenticità e di verità sul fondamento che l’ha generata. Le celebrazioni religiose e storiche devono riportare i narnesi alla riscoperta della propria identità e dei valori che mossero san Giovenale nel suo servizio ai vostri antenati e che costituiscono il fondamento della vostra fierezza e ricchezza culturale e spirituale".
LA STORIA DI SAN GIOVENALE
San Giovenale, fu martirizzato il 3 maggio sulla via Nomentana, insieme a Evenzio, Alessandro e Teodulo. San Gregorio Magno nei Dialogi (IV, 12) e nelle Homiliae in Evangelium ricorda un vescovo di Narni, di nome Giovenale, qualificandolo martire. Lo stesso Gregorio ricorda il sepolcro di Giovenale esistente sempre a Narni. Di Giovenale esiste inoltre una “Vita” scritta dopo il sec. VII di scarso valore storico, secondo cui, egli era di origine africana e, ordinato da papa Damaso, fu primo vescovo di Narni. Sempre secondo questa “Vita”, fu sepolto alla Porta Superiore della città sulla via Flaminia. Il sepolcro di Giovenale, su cui fu costruito un oratorio attribuito al suo successore Massimo, fu molto onorato nell'antichità e si conserva tuttora nella cattedrale di Narni. Nel secolo IX, il corpo di Giovenale fu trafugato insieme con quello dei santi Cassio e Fausta e trasportato a Lucca, ma in seguito fu restituito a Narni e posto nella Cattedrale.
NEL NEL POMERIGGIO LA CORSA ALL'ANELLO STORICA
Alle 17 in piazza dei Priori verrà disputata la 33esima edizione della Corsa all’Anello storica, lungo un percorso in linea con gli statuti risalenti al 1371 in cui si sfideranno 14 cavalieri dei terzieri di Mezule, Fraporta e Santa Maria. Correranno per Mezule Mirko Concetti, Ernesto Wilmi Santirosi, Tommaso Finestra, Lorenzo Proietti e Filippo Quadraccia, per Fraporta Leonardo Piciucchi, Luca Paterni, Luca Chitarrini, Alessandro Scoccione e Raul Spera, per Santa Maria Diego Cipiccia, Tommaso Suadoni, Jonathan Anselmicchio e Marco Bisonni. Lo scorso anno vinse Lorenzo Melosso del terziere di Mezule.
3/5/2019 ore 3:53
Torna su